AMBIENTE – Piano regionale per la Gestione dei Rifiuti, presentato ricorso al Tar

pasta La Molisana
ristorante il monsignore venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
Maison Du Café Venafro
DR 5.0 Promozione
Smaltimenti Sud
DR F35 Promozione
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

VENAFRO – L’Associazione Mamme per la salute e l’Ambiente onlus, con ricorso al Tar, ha impugnato il Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti, approvato lo scorso 1° marzo dalla Regione Molise.
Secondo l’Associazione, “il Piano Regionale dei Rifiuti non risulta lungimirante per tutto il territorio regionale ed è illegittimo sotto diversi profili. In particolare,  -affermano – la visione programmatica della Regione Molise più che puntare ad una effettiva politica di riduzione e di riciclo del rifiuto, s’ispira ad una gestione dei rifiuti che fa leva sul recupero energetico e sullo smaltimento che sulla riduzione, riuso e riciclo“.
L’associazione nel ricorso ha evidenziato come, a conferma di questa  visione gestionale dei rifiuti, vi sono le previsioni, nel breve e medio periodo, di obiettivi di raccolta differenziata con percentuali ben più basse di quelle imposte dal D.Lgs. n. 152/2006 (T.U. Materia di Ambiente)  ed un utilizzo ancora intensivo e predominante delle odierne discariche con la valutazione anche di un ampiamento delle discarica di Tufo Colonoco il cui procedimento autorizzativo, non si è ancora concluso. Non si prevede, invece, alcuna implementazione e/o adeguamento degli impianti attualmente presenti sul territorio molisano e destinati all’attività di raccolta differenziata dei rifiuti.

Tutto ciò – continuano in una nota dall’associazione-  si concretizza in una violazione dei principi comunitari in materia di rifiuti con un evidente capovolgimento della gerarchia indicata dal legislatore europeo e dal legislatore italiano, la quale pone ai primi posti delle attività che si devono realizzare per la gestione dei rifiuti la prevenzione, la preparazione per il riutilizzo e il riciclaggio del rifiuto”. Sul punto, richiamano la direttiva n. 2008/98 /CE la quale prescrive che “L’obiettivo principale di qualsiasi politica in materia di rifiuti dovrebbe essere di ridurre al minimo le conseguenze negative della produzione e della gestione dei rifiuti per la salute umana e l’ambiente. La politica in materia di rifiuti dovrebbe altresì puntare a ridurre l’uso di risorse e promuovere l’applicazione pratica della gerarchia dei rifiuti”.
Ancora una volta, come nel caso dell’inceneritore di Pozzilli per molti anni unico impianto in Italia sprovvisto dall’autorizzazione integrata ambientale, la Regione Molise – denunciano le Mamme per la salute – dimostra di camminare nella direzione opposta a quella dell’Europa”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Futuro Molise
faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise
panettone di caprio
colacem
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: