AMMINISTRATIVE – Izzo e Bottiglieri: “Vigilare sul rispetto delle leggi in cabina elettorale”

vaccino salva vita
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro

ISERNIA – Per le prossime amministrative di Isernia, i candidati alla carica di sindaco Mino Bottiglieri (MOVIMENTO 5 STELLE) ed Emilio Izzo (ISERNIA DOMANI) chiedono il rispetto delle leggi. I due portavoce richiamano sin d’ora i presidenti dei seggi e con loro i rappresentanti delle forze dell’ordine, a vigilare affinché “si rispettino le leggi sulle modalità dell’espressione di voto”.
L’azione di denuncia che i due candidati intendono portare avanti, muove le sue leve – spiegano- ” da circostanze già verificatesi durante precedenti elezioni, politiche ed amministrative, in diversi seggi del territorio nazionale ed hanno visto diversi candidati al centro di presunte irregolarità, tali da prefigurare scenari di risultati falsati o, peggio ancora, di voti di scambio”.
E’ già stato accertato, nel corso di passate elezioni – affermano – che attori della competizione hanno chiesto ai loro elettori di fotografare, con un telefono cellulare, la scheda nella cabina dopo aver esercitato la preferenza, così da poter far controllare ai loro candidati di riferimento l’avvenuta prova di fedeltà! Chiaro ed evidente lo scopo di tale operazione, necessario a quanti da questo scellerato modo di elargire il proprio consenso, aspettano magari un favore o un posto di lavoro promesso in modo subdolo ma che mai arriverà. Altrettanto chiaro lo stesso scopo anche per i candidati, che in tale vigliacco modo intendono esercitare un controllo sugli sciocchi elettori. Voto di scambio, appunto!”
I candidati dunque ricordano ai presidenti di seggio che, per assicurare la libertà e segretezza della espressione del voto, il D.l. del 1° aprile 2008, n.49, convertito in legge, senza modificazioni, dalla legge del 30 maggio 2008, n.96, all’art.1, comma 1, ha fatto divieto di introdurre all’interno delle cabine elettorali “telefoni cellulari o altre apparecchiature in grado di fotografare o registrare immagini”.
Ai sensi del D.l. citato (art.1, commi 2 e 3), il presidente dell’ufficio di sezione dovrà invitare l’elettore, all’atto della presentazione da parte di quest’ultimo del documento di identificazione e della tessera elettorale, a depositare le anzidette apparecchiature delle quali sia in possesso; tali apparecchiature saranno prese in consegna dal presidente medesimo per essere restituite all’elettore, dopo l’espressione di voto. Il presidente dell’ufficio elettorale di sezione dovrà pertanto affiggere all’interno del seggio, in modo ben visibile, un apposito avviso del seguente tenore: “Non si possono introdurre all’interno delle cabine elettorali telefoni cellulari o altre apparecchiature in grado di fotografare o registrare immagini. Chiunque contravviene a questo divieto è punito con l’arresto da tre a sei mesi e con l’ammenda da 300 a 1000 euro, ai sensi dell’art. 1, comma 4, del dl del 1° aprile 2008, n.49, convertito dalla legge 30 maggio 2008, n.96”.
Noi saremo vigili ed inflessibili, saremo costantemente presenti – dichiarano – e richiameremo ove occorra al rispetto dei principi di trasparenza e di legalità sui quali si fondano – concludono – i nostri movimenti civici”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
colacem
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: