AGRICOLTURA – IL Psr passa a pieni voti “l’esame” del Comitato di sorveglianza

eventi tenuta santa cristina venafro
Maison Du Café Venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
faga gioielli venafro isernia cassino
ristorante il monsignore venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO – Bilancio del vecchio Psr (Programma di sviluppo rurale 2007- 2013) e attività ed interventi appostati nel nuovo Piano 2014-2020. Sotto la lente di ingrandimento e quindi della valutazione del Comitato di sorveglianza, formato dal partenariato specifico, dalle Associazioni di settore, dalla Regione, dall’ organismo al controllo e alla programmazione nell’ambiente, e dal rappresentante della direzione generale dell’agricoltura e dello sviluppo rurale della Commissione europea. Un momento di attenta analisi e riflessione che si è svolto a Ripalimosani nei locali di un’azienda agricola dove sono stati dibattuti i temi i tempi e le finalità del Psr, le sue modalità e finalità di spesa, un Paino settennale di oltre 200 milioni rivolto e quindi studiato per migliorare la competitività del settore agricolo e pertanto la cura delle risorse naturali e il clima e il consolidamento delle comunità rurali fino al 2020. Ai lavori del Comitato hanno preso parte le associazioni di categoria, il partenariato di riferimento, gli organismi regionali per l’ambiente, nonché il rappresentante della direzione generale dell’agricoltura e dello sviluppo rurale della commissione europea. Un pacchetto di risorse finanziarie abbastanza cospicuo che sarà, come scritto nei criteri delle misure comunitarie, utilizzati rigidamente per l’adeguamento e il miglioramento delle aziende in linea generale e per l’inserimento dei giovani in agricoltura in continuazione con le vecchie generazioni nella conduzione di ditte agricole con cui sono legati da vincoli genitoriali o per la costituzione di vere e proprie start up agricole:< Abbiamo voluto convocare questo comitato – ha spiegato l’assessore regionale alle politiche agricole Vittorino Facciolla –  perché siamo in grande anticipo rispetto a tutte le altre regioni in Italia, soprattutto sulle misure in favore degli investimenti, sono ormai prossime le pubblicazioni della graduatoria e quindi prossime le decretazioni. Ciò significa un bel po’ di risorse messe a disposizione del territorio sin da subito>. Il Psr presenta nelle sue articolazioni amministrative di riferimento, come ha dichiarato l’assessore regionale all’agricoltura, Vittorino Facciolla, tempi più certi per l’aggiudicazione e quindi l’assegnazione delle risorse, meno vincoli procedurali e tempistiche certamente più strette e brevi rispetto al passato. Prima l’istruttoria delle pratiche e  l’avvio delle procedure camminavano nell’ordine dei tempo di un paio di anni  ora si è nella possibilità di risolverle in meno di sei mesi. Tutto questo, ha detto Facciolla, anche per non uscire da quei tempi di innovazione che sono in continua evoluzione. Finanziamenti in agricoltura per alcuni interventi tecnici sul fronte della sperimentazione e dell’innovazione al termine di un paio di anni e anche oltre  potrebbero essere in parte tardivi per gli scopi di partenza. L’amministrazione regionale in questa direzione con i suoi apparati burocratici tra l’altro si impegna a essere al fianco degli imprenditori agricoli laddove si dovessero presentare disagi amministrativi e ritardi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: