EVENTI – Morì per sventare una rapina. Roccavivara commemora l’ispettore Tufilli

pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita

ROCCAVIVARA – A vent’anni dalla scomparsa, il sacrificio dell’Ispettore Superiore della Polizia di Stato, Carlo Tufilli, è stato ricordato questa mattina nel corso di una cerimonia di commemorazione promossa ed organizzata – nel suo paese natale – dal Comune di Roccavivara e dalla Questura di Campobasso. Alla presenza dei suoi familiari, della rappresentanza della Polizia di Stato e dell’intera Amministrazione Comunale nonché di personalità civili, militari e religiose, la cerimonia è iniziata con una visita al Cimitero dove riposano le spoglie dell’Ispettore. Dopo la Santa Messa nella Chiesa parrocchiale, la celebrazione è proseguita con il toccante momento commemorativo in Piazza Carlo Tufilli, scandito, tra gli altri, dagli interventi di saluto del Questore Raffaele Pagano e del Sindaco Franco Antenucci, cui ha fatto seguito la deposizione di una corona di alloro sia nella medesima piazza che presso il Monumento ai Caduti.
Carlo Tufilli era nato a Roccavivara l’8 ottobre 1957. Trasferitosi a Roma, nel 1977 si arruolò nel Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza, prestando servizio presso ’Ispettorato 9^ zona – Sezione di S. Basilio. Dopo una breve parentesi alla Questura di Campobasso, tornò nuovamente nella Capitale ed assegnato al Commissariato P.S. “Porta Maggiore” ove permase fino alla sua morte. Nel tardo pomeriggio del 22 giugno 1996, mentre faceva rientro a casa a bordo del treno locale Roma – Pantano, si accorse che due uomini armati stavano rapinando alcuni viaggiatori, decidendo di intervenire per salvaguardare l’incolumità dei passeggeri. Sceso per primo alla stazione di Grotta – Celoni ed intimato ai due malviventi di gettare le pistole, ingaggiò con essi una violenta sparatoria, riuscendo, nonostante fosse stato raggiunto da alcuni colpi d’arma da fuoco, a ferire uno dei rapinatori. Soccorso ancora in vita, morì durante il trasporto all’ospedale.
Per lo ”splendido esempio di alto senso del dovere e di elette virtù civiche”, l’Ispettore Superiore Carlo Tufilli fu insignito della Medaglia d’oro al valor civile alla memoria, consegnata alla vedova in occasione della Festa della Polizia del 30 maggio 1997.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
error: