CULTURA – Terra d’arte dimentica Venafro, l’indignazione de ‘I venafrani per Venafro’

venafro-molise
Blackberries Venafro

VENAFRO – Chi difende i diritti di Venafro? Chi ne tutela immagine e prerogative dalle dimenticanze, dalla trascuratezza, dalle leggerezze altrui? Sono le domande, certamente inquietanti e di massima attualità, di cui questo movimento popolare autonomo si fa responsabilmente carico e portavoce, sentite le tantissime osservazioni di larga parte dell’opinione pubblica cittadina circa il varo di “Terra d’arte”, la stagione di spettacoli promossa in ambito regionale dalla Fondazione Molise Cultura d’intesa col Mibact per questa estate 2016, cartellone che immotivatamente non contempla Venafro nonostante la sua acclarata e consistente ricchezza strutturale in ambito storico ed artistico, giusta la rinomanza che da sempre ne deriva anche da fuori regione.
Tale cartellone coinvolgerà taluni tra i teatri all’aperto presenti sul territorio molisano, tutti degni della massima attenzione e notorietà al pari delle città cui appartengono, ma incredibilmente non prevede appuntamenti al teatro romano di s. Aniello di Venafro, da anni inspiegabilmente chiuso nonostante le sue enormi potenzialità, così come non contempla alcunché nell’ospitale ed accogliente chiostro all’aperto del museo nazionale di s. chiara sempre di Venafro e parimenti non risultano tracce di iniziative nel cortile di castello Pandone o nel fossato esterno dello stesso maniero medievale di questa stessa città, siti – è bene sottolinearlo- coi numeri giusti per accogliere appuntamenti di “Terra d’arte”.
Ed invece, niente ! Venafro dimenticata, trascurata, saltata a piè pari !
Campanilismo il nostro? Assolutamente no, ma giusta puntualizzazione delle prerogative di questa città, se è vero com’è vero che essa ha tanto da mostrare ed offrire in ambito storico/artistico a chi vuole e sa apprezzare, così come ha qualità e strutture necessarie per accogliere manifestazioni di rilievo nei propri complessi d’epoca!
Ed allora, avanzata con la presente formale ed ufficiale richiesta perché venga rivisto il cartellone di “terra d’arte” 2016 includendovi a giusta ragione anche Venafro sentite le realtà sociali del posto, ecco riproporsi in tutta la loro consistenza gl’interrogativi iniziali: chi difende i diritti di Venafro? chi ne tutela immagine e prerogative dalle dimenticanze, dalla trascuratezza e dalle leggerezze altrui?
I venafrani per Venafro
movimento popolare autonomo di Venafro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!