CRONACA – Pretendevano consumazioni gratuite, tre isernini nei guai per estorsione aggravata in concorso

Blackberries Venafro

ISERNIA – La Squadra Mobile della Questura di Isernia, a seguito di un’articolata attività di indagine, ha denunciato tre giovani isernini, tutti con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti, che dal febbraio scorso hanno minacciato e taglieggiato un commerciante locale.
I tre ragazzi, in particolare nel fine settimana, pretendevano consumazioni gratis e, soprattutto, la consegna di somme di denaro in contante.
Il titolare dell’attività commerciale, spaventata non solo dalle aggressioni fisiche, fatte anche brandendo bottiglie in vetro rotte o coltelli, è stata da ultimo minacciata di morte.
L’imprenditrice, stanca delle continue vessazioni subite, preoccupata dalla frequenza dei gravi episodi, a tutela della sua attività imprenditoriale e dei suoi dipendenti, si è rivolta alla Polizia di Stato della Questura di Isernia per denunciare le vessazioni subite.
Grazie al coraggio della donna ed alle testimonianze raccolte, gli uomini della Squadra Mobile hanno identificato i tre isernini che, ora, si dovranno difendere dalla grave accusa di concorso in estorsione aggravata e continuata.
A seguito, poi, del delicato momento storico, continua incessante l’attività di controllo del territorio degli uomini della Polizia di Stato della Questura di Isernia. Soltanto nell’ultima settimana sono state impiegate 40 pattuglie, effettuati 50 posti di controllo, fermati 200 veicoli, identificate 330 persone di cui 66 con precedenti di polizia.
Grazie a tale capillare attività di prevenzione, il questore Ruggiero Borzacchiello, ha emanato tre avvisi orali a pregiudicati locali, con precedenti di polizia per reati contro la persona, il patrimonio ed in materia di stupefacenti e, soprattutto, cinque fogli di via con divieto di ritorno per tre anni nel Comune di Isernia ad altrettanti pregiudicati provenienti da fuori regione.
In particolare, si tratta di quattro campani ed un pugliese che, senza giustificato motivo, si aggiravano con fare sospetto per le vie di Isernia; questi erano, tra l’altro, gravati da gravi precedenti di polizia contro la persona, il patrimonio, in materia di stupefacenti e di armi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

PUBBLICITà »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!