DECORO URBANO – Pulizia di aree incolte, da oggi spetta ai proprietari

Blackberries Venafro

ISERNIA – Con propria ordinanza, il sindaco Giacomo d’Apollonio ha disposto che i proprietari, i conduttori e i detentori di aree agricole non coltivate e di aree verdi urbane incolte, nonché i proprietari di case e gli amministratori di stabili con annesse aree a verde, come pure i responsabili di strutture turistiche, artigianali e commerciali con annesse aree di pertinenza e i responsabili di cantieri edili e stradali, procedano ai seguenti interventi di pulizia: taglio dell’erba e della vegetazione in genere e rimozione del materiale di sfalcio; regolazione delle siepi e taglio dei rami delle alberature e dei rovi in genere, con conseguente rimozione delle ramaglie e dei rifiuti, nelle aree private site nelle vicinanze di abitazioni, e in particolare nelle aree private che si affacciano su strade ed aree pubbliche o di uso pubblico, a tutela della viabilità e della fruizione delle stesse.
“Gli interventi – si legge nell’ordinanza – dovranno essere effettuati per tutto il periodo primaverile/estivo, fino al 15 ottobre di ogni anno, in maniera da garantire la perfetta pulizia e manutenzione dei luoghi, non creare pericolo alla circolazione stradale, non coprire la segnaletica stradale, non provocare per incuria problemi di igiene, favorendo la proliferazione di ratti, zanzare e animali nocivi di ogni specie, nonché costituire potenziale causa di incendi, con conseguente aggravio e pregiudizievole incolumità alle persone ed ai beni esistenti”.
In caso di inosservanza, ai trasgressori sarà applicata una sanzione amministrativa, salvo violazioni più gravi. In caso di inadempienza, il Comune provvederà all’esecuzione d’ufficio degli interventi di pulizia, con rivalsa delle spese sostenute ed oneri relativi a carico degli obbligati.
L’ordinanza è nata dalla constatazione che all’interno del territorio comunale c’è la presenza di campi incolti per i quali i proprietari tralasciano qualsiasi intervento di manutenzione, con la conseguente crescita non controllata di vegetazione spontanea e che, analogamente, sono presenti aree private a confine con strade comunali o vicinali che determinano problemi di visibilità, con conseguente pericolo per la viabilità, a causa della mancata regolazione di siepi o potatura di alberature sporgenti oltre il ciglio stradale o per la presenza di rovi che invadono la sede stradale. Inoltre, all’interno delle zone residenziali ci sono lotti edificati o inedificati, ovvero fabbricati in costruzione o non ancora ultimati, i cui proprietari o responsabili di cantiere non eseguono la dovuta pulizia e il taglio della vegetazione infestante. Tali situazioni possono favorire la proliferazione di animali, in particolare di ratti, serpi ed insetti nocivi che facilmente completano il loro ciclo vitale nei luoghi con accumuli di materiale vegetale. Oltretutto, l’abbandono e l’incuria creano certamente problemi di igiene e di salute pubblica, col rischio anche di propagazione di incendi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!