STORIE – Vittima di un errore giudiziario, a Isernia Karl Louis Guillen

Blackberries Venafro

ISERNIA – “Sono un uomo che è nato tre volte: quando ho emesso il primo vagito, quando sono uscito dal braccio della morte e quando ho spalancato le braccia lasciandomi alle spalle il Carcere dell’Arizona”. Si è presentato così, a Isernia, Karl Louis Guillen vittima di un errore giudiziario negli Stati Uniti d’America che gli è costato oltre 20 anni di detenzione. E’ arrivato in città accettando l’invito di una studentessa del Liceo Linguistico ‘Cuoco’ di Isernia. Sara Fuoco, 19 anni, ha dedicato alla storia di Karl la tesina discussa davanti alla Commissione degli Esami di Stato, dopo aver letto i libri di Guillen: ‘Il Tritacarne’ e ‘Il sangue d’altri’. “Ho provato una grande emozione – ha detto Karl ai microfoni dell’Ansa – quando Sara mi ha contattato per annunciarmi la sua intenzione. Lei è giovane ed è importante che i giovani capiscano certi valori e li trasmettano per costruire un mondo diverso dall’attuale”. Karl entra in carcere a 20 anni per il tradimento di un amico e lì, poi, viene coinvolto in un omicidio non commesso e condannato alla pena di morte per iniezione letale. Comincia la sua battaglia per dimostrare l’innocenza e nel 2013, dopo un regolare processo, torna a essere un cittadino libero. Oggi vive in Italia, a Jesolo, dove ha trovato l’amore (si è sposato con Valentina) e l’accoglienza di un Comitato e di un’associazione editoriale umanista (Multimage) che lo avevano sostenuto già quando era in carcere. “Racconto l’ingiustizia del sistema carcerario americano – ha spiegato Karl –  un sistema fondato sul profitto e la speculazione finanziaria. Lo faccio per tutti coloro che sono rinchiusi nelle prigioni statunitensi e non possono parlare. Sono stato fortunato e devo dare voce a chi non ha”. A Isernia, oltre a Sara Fuoco, c’erano tante persone ad attenderlo. Con loro si è intrattenuto per due ore nello spazio culturale dell’ex Lavatoio. La domanda più ricorrente è stata: “Come ha fatto a non impazzire?”. Karl ha risposto: “Ho sviluppato una dipendenza senza controindicazioni, ovvero la dipendenza dalla scrittura”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

PUBBLICITà »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!