SANITA’ – Il San Francesco Caracciolo riconosciuto Presidio di Area Disagiata, Cacciavillani: “Merito della nostra amministrazione”

Blackberries Venafro

AGNONE – Con l’approvazione, nei giorni scorsi da parte della Conferenza Stato-Regioni, del Programma Operativo Straordinario 2015-18 afferente la Sanità, l’ospedale San Francesco Caracciolo di Agnone ha avuto il definitivo riconoscimento di Presidio di Area Disagiata.
“L’onestà intellettuale – afferma Maurizio Cacciavillani, già vice sindaco di Agnone – esige che un plauso vada al presidente-commissario, Paolo di Laura Frattura, e alla Dirigenza del Dipartimento Salute del Molise che, dopo dieci anni di meline, rimpalli e chiacchiere senza costrutto, sono riusciti a presentare un Programma Operativo Straordinario che ha avuto la definitiva approvazione degli Organici tecnici ministeriali, e che permetterà – finalmente – di riorganizzare il Servizio Sanitario regionale anche con nuove assunzioni”.
“Il confermato riconoscimento del Caracciolo quale Presidio Sanitario di Area Disagiata è forse il più significativo fra i tanti risultati raggiunti dall’ amministrazione Carosella e dagli esponenti di Nuovo Sogno Agnonese – continua Cacciavillani – Un risultato frutto di un impegno deciso, sistematico, e che non sarebbe stato ottenuto senza il coinvolgimento del territorio attraverso il Documento di sostegno sottoscritto da ventidue Sindaci dell’Alto Molise e dell’Alto Vastese; il coinvolgimento del Consiglio regionale dell’Abruzzo, che ha votato una specifica Risoluzione; l’interrogazione parlamentare presentata al Ministro della Salute; gli incontri con il vice ministro Vito De Filippo, a Roma come ad Agnone. Un’azione così consapevole e determinata smentisce clamorosamente le affermazioni di chi, come Michele Iorio, per celebrare il nuovo Esecutivo, in una nota apparsa l’11 giugno sulla stampa locale, sosteneva che “l’amministrazione uscente ha subìto supinamente la politica del governo regionale, non avendo mai avuto il coraggio di alzare la voce per difendere i propri abitanti”. I fatti dicono l’esatto contrario. La verità è che l’amministrazione Carosella ha buttato il sangue a difesa del proprio paese e del proprio territorio con un’attività politica che, per motivi ancora in larga parte inspiegabili, non ha trovato – conclude l’ex vice sindaco – il meritato riconoscimento in sede elettorale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!