TERREMOTO – Solidarietà e soccorsi, raccordarsi anche in Molise

Blackberries Venafro

CAMPOBASSO – Raccordarsi anche in Molise per portare sui luoghi del terremoto la solidarietà umana e materiale al di là di quella istituzionale. Il consigliere regionale Petraroia sottolinea quest’aspetto mentre parecchie sono le associazioni locali di volontariato già in allerta per rendersi utili in un’azione coordinata tesa ad assicurare la presenza sul posto con le strutture comunali della Protezione Civile che saranno coinvolte, a veicolare la donazione del sangue, a raccogliere gli aiuti necessari e a verificare ogni altra e diversa modalità di soccorso in una zona colpita che presenta difficoltà aggiuntive per la conformazione orografica e sociale. Gli aiuti ovviamente secondo Petraroia devono essere indirizzati anche a coloro che si trovano nelle campagne :<Potranno essere necessari aiuti a case isolate in campagna, a frazioni e caseggiati collocati in aree interne collinari o montane, che presentano maggiori criticità per la macchina dei soccorsi . La rete del volontariato molisano è pronta a fare la propria parte con la generosità di sempre e la concretezza che serve in queste ore. Non mancherà la possibilità nei prossimi giorni di rattristarci in considerazioni simili a quelle fatte 7 anni fa per L’Aquila e 14 anni fa per San Giuliano di Puglia>. Sulla tempestività dei soccorsi facendo riferimento al terremoto del 2001 di San Giuliano di Puglia, Petraroia dice:< E’ stato amaro vedere stamane in diretta televisiva a sei ore dal sisma che la gente scavava a mani nude nel mentre scorrevano i sottotitoli sul possibile arrivo dei genieri dell’Esercito. Perché si persiste sempre negli stessi errori, se si dispone di personale esperto e di mezzi specializzati, non dovrebbe essere automatico far scattare il loro intervento un minuto dopo che i sismografi hanno fatto registrare una scossa di 6.2 della scala Richter?  I cittadini di una comunità possono essere addestrati, possono disporre di mezzi ordinari, ma non saranno mai in possesso di attrezzature e automezzi speciali per agire con rapidità ed efficacia nell’estrarre vivi da sotto le macerie chi vi è rimasto sepolto. Possibile che San Giuliano non abbia insegnato niente>.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!