TERREMOTO – Mons. Bregantini “Si tuteli la nostra grande casa per prevenire disastri”

Blackberries Venafro

CAMPOBASSO – La giornata per la custodia del creato che si celebra il 1° settembre è un invito a tutelare la nostra grande casa per prevenire disastri. E’ il senso del momento di riflessione e di preghiera in una circostanza di grande dolore e disperazione promosso dalla Conferenza Episcopale Italiana  e recentemente  istituito da papa Francesco come giornata Mondiale  di preghiera «Tutto parte da una conversione radicale del cuore – ha detto l’arcivescovo di Campobasso Bregantini -, un cambiamento nella considerazione del Creato e  nel riconoscimento che ognuno di noi ha una piccola, ma considerevole parte di responsabilità nella cura  della terra che ci è stata affidata fin dalle origini. Il Padre della Tenerezza, ricorda  il Santo Padre,  ci ha dato la possibilità di vivere in sintonia  con tute le creature in una “eucaharistìa” che è lode  di grazie al creatore.

La preghiera  è un trade d’union indispensabile per far comprendere, nell’esperienza di fede, il valore creaturale che  ci spinge all’unità e all’amore per tutte le opere del Signore.  L’invito è  di  abbandonarsi alla Misericordia, nell’ascoltare il grido della terra insieme a quello dei poveri, esorta Papa Francesco, per  dare una pronta e misericordiosa risposta  al gemito che viene dalle creature, da tutte le creature esposte al male. Ecco dunque l’esortazione ad una spiritualità concreta, fondata sull’eucarestia ma attenta  al gesto di aiuto  e al cambiamento dello stile di vita>.  Essere misericordiosi significa   avere la capacità di ascoltare   la richiesta di aiuto dei più deboli e delle stesse creature che gemono e soffrono per le scelte stolte e  egoistiche della razza umana.

<L’appello della Chiesa  si spinge  verso tutti i cristiani, in un afflato ecumenico, nel voler   acquisire consapevolezza  della comunione universale che  lega le diverse creature, in una osmosi  segno di comunità in cui vive la terra. Fermarsi a pregare e ad essere operativi nello stesso tempo significa proseguire in un cammino di conversione indispensabile per considerarsi tutti fratelli, uniti  in una coscienza  di rispetto e di amore per il creato, seguendone le sue leggi interne e non assoggettando, a proprio piacimento  terre e mari. I risultati sono gli occhi di tutti, amplificati dai media. In questo modo il grido della natura diventa il grido della creatura che sperimenta, nel mondo, la forza del creato  di cui , pur con la  sua prepotenza tecnologica, non ne riesce a controllare la potenza>.

La sfida del Terzo Millennio.< Questa giornata, di certo ispirata dallo Spirito, – continua mons. Bregantini – diventa una  sfida urgente per il terzo millennio, impegnato in logiche di profitto che fanno dimenticare all’uomo di essere ospite e non padrone del Creato, abitante  di passaggio di una grande casa creata per la lode del Signore e non per l’esaltazione di un progresso selvaggio che  sta distruggendo  le creature e l’ecosistema.  Il cambiamento radicale del cuore  che permea l’enciclica Laudato Sì può e deve essere elemento guida  di prossimità per i tanti fratelli che hanno sperimentato la potenza della forza della natura, che si è manifestata  nell’ultimo terremoto. Come abbiamo più volte ribadito, noi siamo solo ospiti del creato, non certo padroni egoisti, anche se spesso  ci comportiamo in tal senso. E’ questa cecità che ci  porta a costruire, molto spesso “sulla sabbia” e non  “sulla roccia”.

E così, ogni volta, ci ritroviamo ad affrontare  le identiche domande che prendono l’uomo nel momento dell’angoscia e del bisogno, dimenticando che, costruendo diversamente, con più responsabilità e lungimiranza,  come gli uomini  che  edificarono la casa sulla roccia,  tante sciagure potrebbero essere evitate>  Alcuni temi vanno quindi affrontati anche alla luce di profezie:< Vanno affrontate tali problematiche alla luce delle indicazioni profetiche del Papa, per una consapevole opera di ricostruzione che non sfoci in   inutili episodi di sfruttamento del dolore e della sofferenza  altrui. Abbiamo sperimentato altresì, da questo ultimo evento sismico,  quella solidarietà positiva, certa, partecipata, vissuta,  che è tipica del Creato, in cui tutto  si svolge in armonia -conclude l’Arcivescovo di Campobasso-.

Così  dovremmo imparare dal creato a costruire  “case radici”, secondo logiche  abitative più flessibili, contro la cementificazione e l’inurbazione selvaggia che porta a vivere in case alveari in cui  ci si sente pericolosamente ingabbiati, sia  socialmente che  fisicamente. Fare proprie tali indicazioni significa sperimentare la Misericordia di Dio  anche in situazioni di dolore e solitudine, pensando al Cristo abbandonato sulla Croce ma anche alla Madre piangente  ai piedi del legno. In questa giornata mondiale del Creato una indicazione campeggia su tutte le altre: come il Padre è misericordioso così noi dobbiamo esserlo nei confronti di tutte le creature, imparando a tutelare la nostra grande casa per prevenire disastri  che sono naturali nella storia dell’umanità. Imparare a costruire una coscienza ecosistemica sarà la sfida del terzo millennio»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

PUBBLICITà »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!