SCUOLA – Dramma trasferimenti: il marito a La Spezia la moglie a Oristano il bimbo di 1 anno con la mamma

Blackberries Venafro

CAMPOBASSO – Caos nella scuola, disagi e drammi nelle famiglie degli insegnanti anche molisane. Come ci riporta Michele Petraroia consigliere regionale di Dem ex assessore alla cultura e istruzione, in una famiglia di Isernia il marito è stato trasferito a La Spezia e la moglie a Oristano. Il bimbo di un anno seguirà la mamma in Sardegna con comprensibili disagi che nelle stesse modalità toccano decine di migliaia di docenti meridionali, e tra loro più  di 300 in Molise secondo le stime sindacali.

È indubbio che l’algoritmo utilizzato dal Ministero dell’Istruzione ha determinano errori conclamati, con spostamenti sbagliati e trasferimenti effettuati a danno di docenti che avevano punteggi o titoli per rimanere in Molise o in subordine per essere assegnati nelle regioni confinanti. Il tentativo delle Regioni, sostenuto dal Presidente della Puglia, Michele Emiliano, e coordinato dall’Assessore all’Istruzione della Toscana, Cristina Grieco, è stato quello di sollecitare l’11 agosto l’attivazione di un confronto con il Ministro Giannini per individuare dei correttivi e limitare i disagi per gli alunni, per gli studenti e per le comunità scolastiche.

Spostare docenti che da 10 anni con continuità, anche se con contratti a termine, svolgevano la propria attività nella stessa scuola determinerà un cambiamento nella didattica con necessità di adattamento alle nuove tecniche dei nuovi docenti da parte degli studenti. Sarebbe stato più logico coprire prima tutti i posti vacanti negli organici di diritto e negli organici di fatto di tutte le province, confermando a tempo indeterminato tutti gli insegnanti ed i professori in servizio presso quelle scuole, e solo successivamente procedere alle coperture delle cattedre nel Centro – Nord dove è più marcata la  carenza di docenti rispetto al numero più elevato di studenti.

<Rifiutare la richiesta delle Regioni, non aprire alcun confronto e lasciare al proprio destino le istituzioni scolastiche con tutti i disagi connessi con la pessima controriforma della scuola, è un grave ed imperdonabile errore politico di un Governo sempre più lontano dai territori e dalle persone. Spetta alla politica individuare la soluzione su questi temi per dare un segno di attenzione concreta sulla qualità della scuola ed evitare che ciascun docente sia costretto a presentare ricorsi, appelli e intentare contenziosi a tutela dei propri diritti>.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

PUBBLICITà »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!