AMBIENTE – 79 Comuni da esplorare per ricerche petrolifere e nessuno sa niente

Blackberries Venafro

CAMPOBASSO –  Molise assente  da quanto gli succede intorno e probabilmente da quanto gli accade dentro casa. Petraroia ammonisce le Comunità locali e soprattutto gli Enti impegnati a promuovere sagre e percorsi enogastronomici in questo periodo e poco attenti alle seri problematiche che potrebbero coinvolgerli soprattutto per l’infiltrazione della Ndrangheta sul proprio territorio e alle conseguenze future relativamente alle richieste di autorizzazioni presentate dalle società petrolifere al Ministero dello Sviluppo Economico per trivellare in 79 comuni molisani:<Non è mia intenzione demonizzare una normale prassi amministrativa che le imprese di quel settore sono obbligate a seguire, così come non troverei anomalo se tra i 1000 consiglieri comunali, provinciali, regionali o tra i 79 Sindaci interessati, ci fossero alcuni amministratori già a conoscenza sull’attivazione di tale procedura in sede ministeriale, ed avessero deciso di mantenere il riserbo per ragioni che ignoro ma che potrebbero essere motivate – dichiara il consigliere regionale di Dem – .

Rispetto le posizioni diverse dalle mie, ma mi sono permesso di ringraziare il Presidente della Comunità Montana del Titerno – Valle del Tammaro per aver voluto coinvolgere anche il Molise nella manifestazione pubblica promossa per la mattina dell’8 settembre a Santa Croce del Sannio alla presenza dell’autorevole Vice-Presidente Emerito della Corte Costituzionale Paolo Maddalena che potrà renderci edotti sui margini di azione amministrativa, giuridica ed istituzionale, per tentare di fermare l’iter delle concessioni da parte del Ministero dello Sviluppo. Quale componente della Commissione Ambiente della Regione Molise seguirò l’incontro e mi batterò insieme ai comuni campani, pugliesi e molisani, per fare chiarezza su una vicenda che merita di essere conosciuta, bene e in anticipo, dalle popolazioni locali, onde evitare che ci si trovi in futuro nell’impossibilità di fermare le trivellazioni sui propri terreni>. Petraroia sottolinea tra l’altro che bisogna fare chiarezza sull’informazione di questa vicenda.< I cittadini hanno il diritto ad essere informati preventivamente o no?

Al di là dei cavilli interpretativi di codicilli scritti da tecnocrati lontani dai territori e dalle loro esigenze, si pone una elementare questione di democrazia, di informazione, chiarezza sulle procedure in itinere e di coinvolgimento delle popolazioni locali. Un coltivatore diretto, un artigiano, un ristoratore, un pastore, un commerciante o un qualsiasi cittadino che risiede in uno dei 79 comuni del Molise su cui è stata avanzata richiesta di trivellazione ha gli stessi diritti delle società petrolifere che hanno avviato le richieste di autorizzazione al Ministero. E per far valere le ragioni delle nostre comunità è opportuno adoperarsi sul piano politico-istituzionale, mobilitarsi insieme alle forze sociali, ed impegnarsi amministrativamente a tutela del proprio territorio>.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

PUBBLICITà »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!