LUTTO – E’ scomparso Ferdinando Maggiani un’ altra bandiera rossoblù, Colagiovanni lo ricorda

La Molisana Natale plastica
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro

CAMPOBASSO – La scomparsa di Ferdinando Maggiani padre di Stefano quest’ultimo avvocato molto noto in città impegnato in passato in politica ha generato dolore e cordoglio. Maggiani arrivato dalla patria del marmo Carrara è stato un valido calciatore, terzino coraggioso e granitico negli anni ’60 in Quarta serie con la maglia rossoblù  poi imprenditore nel campo dei rivestimenti edili e quindi del marmo che faceva arrivare alla sua città Carrara.

L’assessore alle attività produttive del Comune di Campobasso Salvatore Colagiovanni lo ricorda con affetto e si unisce al dolore dell’amico Stefano Maggiani e della sua famiglia, per la perdita del caro padre. <Ferdinando, apprezzato calciatore prima, imprenditore successivamente, ha saputo ben interpretare, già cinquanta anni fa, le esigenze del territorio molisano.

Arrivato da Carrara, decise di stabilirsi in Molise, riuscendo, pur non senza sacrifici, negli anni della ripresa economica, ad affermarsi a Campobasso, permettendo alla città di uscire fuori dai confini regionali. Ha permesso a tanti nostri concittadini di lavorare, lasciando una traccia indelebile del proprio vissuto a Campobasso e in Molise, contribuendo a scrivere, da protagonista, la storia calcistica e socio-economica del capoluogo di regione>.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail

Pubblicità »

caffè, ristorante, centro commerciale, melograni, roccaravindola
Bar Ritrovo Pozzilli punto Lis Gratta e Vinci

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Pubblicità »

caffè, ristorante, centro commerciale, melograni, roccaravindola
Bar Ritrovo Pozzilli punto Lis Gratta e Vinci

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Bar il Centrale Venafro
Agrifer Pozzilli
fabrizio siravo assicurazioni
Esco Fiat Lux Scarabeo
Edilnuova Pozzilli
error: