STALKING – Pedina e aggredisce la ex moglie, 60 enne non potrà avvicinare la donna

Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

ISERNIA – Riceveva centinaia di sms e telefonate ad ogni ora del giorno e della notte. Lui, l’ex, le lasciava lettere anonime e minatorie sul parabrezza dell’autovettura, quasi come avvertimento della sua opprimente presenza. A questo si aggiungevano pedinamenti in ogni posto o angolo della città, dal lavoro al supermercato fino alla palestra. Una storia di incubo e paura che andava avanti ormai da oltre due anni. Poi la goccia che ha fatto traboccare il vaso: un’aggressione fisica. Una violenza che l’ha spinta finalmente a denunciare.

Alla base della storia una grave crisi coniugale e la decisione della donna, un’isernina, di avviare le pratiche per una separazione giudiziale. Una scelta mai condivisa e, soprattutto, accettata dall’ex – marito, un 60enne residente in un paese della provincia.
Invece di rassegnarsi, l’uomo aveva iniziato a mettere in atto una serie di condotte violente e vessatorie nei confronti della moglie, tanto da costringerla a chiedere aiuto alla Polizia di Stato.

La condizione di vita era divenuta ormai insostenibile. Pervasa da un grave stato di ansia e preoccupazione, l’isernina era stata costretta a cambiare radicalmente le proprie abitudini di vita.
La donna terrorizzata non aveva più una vita sociale e, spesso, era costretta a passare intere giornate all’interno dell’abitazione dei propri genitori, per paura di aggressioni, poi arrivate.  Stanca di subire, ha deciso di denunciare quell’uomo che le era stato accanto per anni.

Soltanto una rapida indagine condotta dagli uomini della Squadra Mobile della Questura di Isernia, in perfetta sinergia con la locale Procura della Repubblica, ha consentito al G.I.P. del Tribunale pentro di emanare un’ordinanza di applicazione della misura cautelare personale del divieto di avvicinamento alla ex moglie e ai luoghi che la donna frequenta. L’uomo, indagato per atti persecutori, dovrà mantenere una distanza di almeno 500 metri dalla ex moglie, ovunque si trovi, con l’aggiunta del divieto assoluto di comunicazione attraverso qualsiasi mezzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

festa della donna, telefono rosa, colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem
festa della donna, telefono rosa, colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: