CULTURA – Belmonte del Sannio, la proposta dell’Università delle Generazioni: inserirla nel circuito ‘Città delle streghe’

faga gioielli venafro isernia cassino
eventi tenuta santa cristina venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
Maison Du Café Venafro
ristorante il monsignore venafro

BELMONTE DEL SANNIO – Nell’agosto 1996, in una pubblica assemblea della Coldiretti realizzata in Contrada Difesa di Belmonte del Sannio, l’Università delle Generazioni proponeva a Comune, Pro Loco, aziende e cittadini di valorizzare il fatto che tale paese avesse fama di essere vivace sede di “streghe” (appartenente al circondario delle Streghe di Benevento). Lo aveva scritto nel 1994 pure Nino Ricci, autore molisano-canadese, nel libro “Vita dei Santi” tradotto in decine di lingue e trasformato nel film “La terra del ritorno” con Sophia Loren e Sabrina Ferilli, trasmesso con molto successo da Canale 5 proprio dodici anni fa, nel settembre 2004.

Ma chi erano le streghe?… Storici e storiografi hanno ampiamente provato che, in genere, erano considerate streghe (nel nostro medioevo e durante l’Inquisizione quando dominava incontrastato il potere maschile, specie religioso) le donne più emancipate, in particolare le “medichesse” ovvero quelle che avevano la scienza ed il potere di guarire oppure quelle che si discostavano dalla cultura imposta. Le streghe vengono chiamate pure “figlie della luna” e su tale caratteristica c’è tutta una letteratura.

In pratica l’Europa dei secoli passati e soprattutto l’Italia erano luoghi affollati di “streghe” e tantissime sono state arse vive nei roghi posti nelle piazze, con o senza processi di cui restano verbali a dir poco allucinanti. Alcune di queste donne (che potremmo definire le “intellettuali” dell’epoca) furono costrette a dichiararsi streghe per evitare il rogo ed essere così confinate a vita in orride prigioni, come suor Giulia De Marco da Sepino (Contado di Molise, 1574) la quale ha dovuto firmare la propria condanna con la seguente frase: “ Io, Giulia De Marco, scevra della mia anima perduta, giuro solennemente di essere una strega”.

La vicenda di tale suora (scoperta in Agnone dal prof. Antonio Arduino, nel 1984 quando era direttore della Biblioteca Comunale) è attualmente studiata da parecchi autori di prestigio nazionale e da Università come quella di Napoli 2, di Pavia e del Molise. Il più recente studio è dovuto ad Antonio Tammaro ed è stato pubblicato proprio nella serie editoriale “Streghe d’Italia” di Fefé Editore di Roma e presentato sabato 24 settembre 2016 a Sepino (Campobasso) assieme al progetto dell’Associazione Italiana “Città delle Streghe” ideata e condotta da Leonardo de Sanctis.

Già da parecchi anni esistono in tante parti d’Italia e d’Europa feste, rassegne, addirittura intere settimane dedicate alle streghe. “Adesso si tratta – ci ha detto il prof. De Sanctis – di coordinare efficacemente tutte queste notevoli iniziative che coinvolgono centinaia di migliaia di simpatizzanti ed attraggono innumerevoli turisti, provocando un significativo giro di affari tale da far lavorare specialmente tanti giovani”.

L’Università delle Generazioni sollecita le autorità regionali molisane e quelle locali di Belmonte del Sannio (noto “paese delle streghe”), di Sepino e di altri luoghi legati a tale storia e tradizione, di fare parte di questo circuito delle “Città delle Streghe” che non può non apportare benefici socio-culturali ma anche economici poiché il fenomeno streghe si presta alla realizzazione e vendita di prodotti tra i più svariati e, in Molise, potrebbe dare lavoro ad una cooperativa di giovani intraprendenti e motivati. Infatti, ci sono i circuiti delle “città del vino”, “città dell’olio”, “città della musica” ecc. che hanno dimostrato di saper e poter incidere notevolmente nell’attrazione socio-culturale e commerciale dei flussi turistici. Perché non provare con le “Città delle streghe”?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
Futuro Molise
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise
colacem
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: