AMBIENTE – Petraroia sollecita la bonifica di Capoiaccio a Cercemaggiore

Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro

CAMPOBASSO – Capoiaccio di Cercemaggiore sugli sversamenti di rifiuti pericolosi attuati negli anni passati il consigliere regionale Michele Petraroia di Dem risolleva il problema. A distanza di anni e sebbene denunce e manifestazioni fatte non si è mosso ancora nulla.  Petraroia quindi in una nota sottolinea che <nonostante gli sforzi delle istituzioni locali, dei cittadini e delle associazioni, il Ministero dell’Ambiente non ha finanziato alcuna bonifica nel territorio di Cercemaggiore, località Capoiaccio, in cui sono state accertati sversamenti di rifiuti tossici negli ex-pozzi petroliferi con conseguente inquinamento delle acque, del suolo e del territorio.

L’assenza di un Registro Regionale dei Tumori impedisce alla comunità di accedere ad un dato scientifico sull’incidenza di malattie incurabili nelle zone prospicienti, ma il solo dubbio che parte dei decessi per patologie tumorali possano aver avuto origine dagli sversamenti di sostanze tossiche in quei pozzi, obbliga la Pubblica Amministrazione ad intervenire con maggiore efficacia sia nell’azione di bonifica che ancora non si avvia, e sia in investimenti sulla prevenzione con controlli più accurati del territorio ad opera del Corpo Forestale dello Stato, del Nucleo Operativo Ecologico e/o dei NAS, dell’ARPA, dell’ASREM e degli altri Enti preposti alla vigilanza in materia di ambiente e salute>.

Petraroia, invece, segnala che merita di essere sottolineata positivamente la disponibilità della Regione Molise a finanziare con 40 mila euro un intervento di recinzione dell’area interessata augurando < che tale iniziativa venga conclusa al più presto, ma è evidente che servirebbe un finanziamento nazionale per bonificare e mettere in sicurezza quel territorio a tutela e salvaguardia della salute della popolazione locale.

L’esempio di Capoiaccio ci aiuta a monitorare un fenomeno allarmante che si è acuito nell’ultimo decennio, riferito al taglio di finanziamenti statali a comuni, province e regioni, che ha indotto queste istituzioni a concentrare le voci dei propri bilanci sulle attività fondamentali e sui costi del personale, senza prevedere appostamenti significativi in materia di tutela della salute pubblica, controlli ambientali, monitoraggi, rilevamenti, interventi di prevenzione e/o azioni sanzionatorie e repressive>.

Intanto nella confusione e nel disinteresse generale per lo smantellamento di alcune funzioni d controllo che prima erano assegnate alle Province ora trasferite ai Comuni che però ora sono senza mezzi, risorse e strumentazioni adatti, tra le preoccupazioni della Rete degli Enti Locali e dei Comitati di Tutela Ambientale che si è costituita a Santa Croce del Sannio l’8 settembre scorso sotto l’egida del Vice-Presidente della Corte Costituzionale Paolo Maddalena, c’è anche quella di sollecitare un rafforzamento dell’azione di prevenzione su maxi infrastrutture pubbliche, trivellazioni petrolifere o costruzioni di impianti eolici impattanti, per accertarsi che le opere di scavo, interramento di cemento per profondità vertiginose e realizzazione di altre opere connesse, avvenga nel pieno rispetto delle vicende normative.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: