POESIA – Sulla falsariga de “A’ Livella” di Totò, un “NO” al referendum del 4 dicembre

vaccino salva vita
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro

POESIA PER UN NO – Italiani, popolo di poeti, naviganti e di persone stravaganti e particolari che subito prendono “carta e penna” e scrivono di tutto e di più. L’ennesima conferma in tal senso arriva in vista del prossimo referendum costituzionale del 4 dicembre, che ha “armato” (sotto il profilo letterario) la mano di qualcuno il quale ha sfornato la simpaticissima ed assai suggestiva poesia seguente sulla falsariga de “A’ Livella” di Totò. La riproponiamo al lettore, certi dell’interesse e della curiosità che susciterà. Ovviamente restiamo a disposizione per ospitare, se pervengono, altri versi o prosa sullo stesso argomento, anche se da diverso punto di vista. Ecco i versi, cui diamo il titolo:

“Poesia per un NO”

“Quest’anno, il quattro dicembre, ci sarà l’usanza, per il popolo italiano, di votare il referendum. Ognuno l’adda fà chesta crianza, ognuno adda tené chistu penziero.

Quest’anno, in questo giorno, di importante ricorrenza, anch’io ci andrò, per sbarrare il NO con impavida veemenza.

Cert stu vot é diventat ‘navventura. Madonna! Si ce penzo, e che bruttura!

Ma anima e coraggio, alla faccia di chi ci narra di un tragico presagio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire. Guardavo tomo tomo, il mio televisore, buttando un occhio a qualche trasmissione.

“Qui si rischia l’involuzione e di buttar per l’aria i veri cambiamenti”, gridava il Presidente, bello spaparanzat, ncopp a na pultron, di una delle reti preminenti.

Che assurdità! ‘Ncapo a me penzavo. Chissà si all’atu munno, chi ha scritt a Costituzione, se sta turcenn a panz ed ogni articolazione.

Mentre fantasticavo stu penziero, s’era ggià fatta quase mezanotte, e pront me cuccaie, ca sveglia ncopp e l’otte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a dint o scur? Doje ombre avvicenarse ‘a parte mia. Penzaje: stu fatto a me mme pare strano, stongo scetato, dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia, eran duie padri e l’assemblea costituente, Alcide e Benedetto. Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro, cu tanta governant, venen addu me ca nun cont neint.

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo, quanno ‘Alcide me sussurr: “Giovanotto non ti meravigliare della nostra presenza, se siamo qua e perché si é passata l’indecenza”.

E’ vero, proseguí Benedetto, quello che é stato fatto? E’ chi l’avrebbe detto. Ma o vulit capí co problem e stu paese nun é a Costituzione, ma più semplicemente o ntrallazz e a corruzione.

A Costituzione é na cosa seria. Perciò, sentit a nuie, nun facit assaie e restiv, sta riform, nun é chell ca c’è vò, sti pagliacciate lasciammel e Si , nuje simmo serie, appartenimmo o NO!”.

Tonino Atella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: