POLITICA – No al referendum, Casapound dà il ‘benvenuto’ alla ministra Boschi

Black&berries Venafro
Assicurazioni Fabrizio Siravo

CAMPOBASSO – ‘Fai come CasaPound: al referendum vota no’. Questo il testo dello striscione affisso in nottata, a Campobasso, da CasaPound Italia, in occasione dell’arrivo in città della ministra per le Riforme Costituzionali Maria Elena Boschi. Boschi parteciperà oggi ad un convegno in favore della riforma.
“E’ stata la stessa Boschi – spiegano dal movimento – ad indicare CasaPound come uno dei principali promotori del NO al referendum, e in occasione del suo arrivo in regione abbiamo voluto ribadire la nostra posizione in merito alla riforma costituzionale su cui i cittadini saranno chiamati ad esprimersi il prossimo 4 dicembre”.

“La nostra opposizione a questa riforma –spiegano – è nel metodo e nel merito. Circa il metodo, pur non riconoscendoci nel culto laico della “costituzione più bella del mondo” propagandato da alcuni riteniamo inaccettabile che a cambiare la carta costituzionale sia una maggioranza guidata da un premier non eletto, e sostenuta da due movimenti, l’NCD di Alfano e l’ALA di Verdini, costituiti da transfughi per opportunismo dallo schieramento opposto e non presenti sulla scheda elettorale nel 2013.

Circa il merito, riteniamo gravissimo che nella nuova versione dell’articolo 117 l’attività legislativa sia posta sotto il vincolo dell’Unione Europea, perché di diritto la sovranità nazionale sarebbe ceduta ad un’istituzione sovranazionale non eletta dagli italiani e che non persegue gli interessi degli italiani. Inoltre il prospettato nuovo Senato costituito da sindaci e consiglieri regionali costretti a spostarsi avanti ed indietro da Roma ben difficilmente potrebbe svolgere le proprie funzioni, e distoglierebbe i suoi membri dai loro compiti presso le loro sedi di elezione”.

“Pertanto – concludono da CasaPound Italia – invitiamo la cittadinanza a fare esattamente come detto dal ministro Boschi votando NO proprio come CasaPound. Ed invitiamo anche gli esponenti molisani delle altre forze politiche che a livello nazionale hanno ufficialmente espresso la propria posizione per il NO, e che finora a livello locale si sono chiusi in un silenzio che potrebbe destare sospetti, a far sentire chiara la propria voce, se al pari nostro sinceramente convinti di questa presa di posizione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Colacem
Ferrovie del Gargano

Resta aggiornato »

Pubblicità »

PUBBLICITA’ »

Colacem
Ferrovie del Gargano

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Aziende in Molise »

error: