IMMIGRAZIONE – Sant’Elena Sannita dice “no” ai migranti. In paese una petizione

vaccino salva vita
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana

SANT’ELENA SANNITA – Il sindaco di Sant’Elena Sannita, Giuseppe Terriaca,  ha chiesto e ottenuto, per lunedì prossimo, un incontro con il prefetto di Isernia, Fernando Guida, per discutere della “questione migranti”.
In paese, infatti si è sollevato un polverone. I 250 cittadini residenti hanno detto ‘no’ all’arrivo di extracomunitari, raccogliendo le firme del dissenso in una petizione.

Gli stranieri, di età adulta, potrebbero essere alloggiati in una palazzina di più piani che si trova a poche centinaia di metri dal centro del borgo. A confermare le voci circolate negli ultimi giorni, sono stati gli stessi referenti della Cooperativa che ha acquistato l’immobile, attualmente oggetto di ristrutturazione. Invitati a prendere parte ad un Consiglio Comunale Straordinario sul tema, convocato nel pomeriggio di ieri, non hanno fatto mistero delle loro intenzioni. Erano presenti moltissimi abitanti che hanno espresso il proprio disaccordo. In Paese, secondo i cittadini, si potrebbe arrivare alla paradossale situazione  che i migranti diventino in proporzione più dell’esiguo numero della popolazione.

Tutti noi siamo seriamente preoccupati per quello che si prospetta ­– ha detto il sindaco Giuseppe Terriaca – Sant’Elena Sannita è un piccolo paese dove la popolazione effettivamente residente durante tutto l’anno (con eccezione per il mese di agosto) sfiora le 100 persone, la stragrande maggioranza è ultra 75enne. Qui non ci sono servizi per la popolazione e le nostre scarsissime risorse non ci consentirebbero di sopportare un tale impatto.

Non c’è un presidio sanitario, non c’è una postazione neanche mobile delle Forze dell’ordine e c’è un solo vigile urbano. In pratica un territorio che nessuno sarebbe in grado di poter controllare e la popolazione ha comprensibilmente paura, anche considerato quello che sta accadendo in tante altre località, anche non lontane da qui, dove si registrano molti problemi. Non si tratta di razzismo, ma solo di fotografare oggettivamente la situazione e di prendere atto che l’arrivo di un numero che si suppone non piccolo di migranti metterebbe di fatto in ginocchio Sant’Elena Sannita”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: