ECONOMIA – Migliora il quadro congiunturale e cresce l’occupazione

mama caffè bar venafro
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

ISERNIA – Nei primi mesi del 2016, il quadro congiunturale dell’economia molisana è leggermente migliorato. Lo ha annunciato oggi Daelma Fonzi, direttrice della Banca d’Italia di Campobasso, intervenuta presso la Prefettura di Isernia, per presentare “Economie regionali, aggiornamento congiunturale”, il rapporto redatto da Bankitalia che fotografa l’aspetto economico territoriale del Molise, nei primi mesi del 2016.

“Al lieve progresso dei consumi delle famiglie e al buon andamento delle esportazioni -spiegano da Banca d’Italia- si è contrapposta la debolezza dell’accumulazione di capitale delle imprese, ancora frenata da un clima di diffusa incertezza”.

Nell’industria, l’attività produttiva ha beneficiato dell’andamento positivo delle grandi imprese. È proseguito, in particolare, l’aumento delle vendite all’estero: la dinamica è stata migliore di quella del Mezzogiorno e dell’Italia.

Tra le aree di destinazione, l’incremento si è registrato soprattutto verso i paesi extra UE e in particolare verso l’Asia. Sono però tornate a crescere anche le esportazioni verso l’UE: alla ripresa delle esportazioni verso la Germania si è associato l’aumento verso la Spagna; le vendite verso la Francia, invece, hanno continuato a contrarsi.

Segnali di recupero anche nel settore edile, “ma -secondo quanto emerge – la svolta ciclica deve ancora consolidarsi; il volume degli scambi immobiliari ristagna su valori storicamente contenuti”.

Buone notizie anche per l’occupazione, che nell’ultimo semestre è cresciuta in tutti i settori, interessando soprattutto il lavoro dipendente e la componente maschile, meno quella femminile.

In presenza di un’elevata partecipazione al mercato del lavoro, sono ulteriormente diminuite le persone in cerca di occupazione, determinando così un calo del tasso di disoccupazione. Il ricorso agli ammortizzatori sociali ha continuato a ridursi un ritmo sostenuto.

Nel giugno scorso, il credito bancario alla clientela residente in regione è tornato a crescere, seppur lievemente.

L’incremento ha interessato soltanto i prestiti alle famiglie, sostenuti sia dai mutui per l’acquisto dell’abitazione sia dal credito al consumo; i prestiti alle imprese sono invece ancora diminuiti, risentendo del calo per quelle di minori dimensioni. Il costo del credito bancario si è ancora ridotto, collocandosi su livelli storicamente bassi.

Il miglioramento del quadro congiunturale si è riflesso sulla qualità del credito al settore produttivo, dove il flusso di nuovi prestiti in sofferenza in rapporto al totale dei prestiti è ulteriormente diminuito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail
NOTIFICA PER PUBBLICI PROCLAMI in ottemperanza alle ordinanze del TAR Molise nn. 162/2020 e 88/2021, rese nel giudizio N.R.G. 186/2020

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

NOTIFICA PER PUBBLICI PROCLAMI in ottemperanza alle ordinanze del TAR Molise nn. 162/2020 e 88/2021, rese nel giudizio N.R.G. 186/2020

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: