MOLISE CULTURA – Due spettacoli teatrali ad Isernia e Campobasso

Maison Du Café Venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
ristorante il monsignore venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia

CULTURA – Serie di eventi in programma per domani sera 23 novembre 2016 nella nostra regione. Si parte dal racconto teatrale dal titolo “Spingi e Respira” all’Auditorium d’Italia d’Isernia alle ore 21:00. Uno spettacolo che vede come registi Lorenzo Praticò e Gaetano Tramontana con il patrocinio della Federazione Ciclistica Italiana. Sì, perché esso è ambientato nel mondo del ciclismo, sport che diventa metafora di fatica, successi e sconfitte di un’intera esistenza. Nel testo di Praticò la bici è anche strumento di riconciliazione familiare fra un figlio ed un padre, visto dapprima come mito, poi incapace di comprendere le scelte del figlio, infine come approdo sicuro dopo tanto girovagare. Uno sport in cui spesso ti trovi a fronteggiare tutte le emozioni come paura, adrenalina, solitudine delle salite, l’equilibrio tra squadra ed individualismo. Poi c’è il confronto tra ieri ed oggi, tra la generazione del dopoguerra rappresentata da Fiorenzo Magri, che con la spalla rotta continua a pedalare stringendo la camera d’aria tra i denti e il veleno del doping che ha distrutto buona parte della meglio gioventù ciclistica. La lingua del racconto teatrale è un alternarsi di italiano e dialetto calabrese (della zona del reggino). “Sono convinto, oggi come ieri, della bellezza e dell’incisività teatrale del dialetto reggino e ho sentito la necessità attoriale e drammaturgica di farlo risuonare vivo e attivo nel rapporto tra il ciclista e i suoi genitori e soprattutto negli insegnamenti e nella memoria del padre.” – così l’autore.

A Campobasso al Piccolo Teatro Gil sempre alle ore 21:00 si potrà assistere al monologo teatrale dal titolo “La Caparra” scritto da Adelchi Battista per l’attore Giorgio Careccia. Si tratta della Storia di Vita di Giovanni Zuccolitti di Ferrazzano, classe 1880, che assiste a diversi eventi accaduti nella sua terra fino al 1901 e poi negli Stati Uniti ove si sposa con Alfonsina Capecia il 7 gennaio del 1912. Grazie alla grande capacità di Careccia di immedesimarsi nel personaggio (e far immedesimare anche il pubblico), riviviamo le gesta di Zuccolitti attraverso aneddoti, storie, documenti che ci mostrano sia l’Italia immediatamente dopo l’Unità, sia gli Stati Uniti alle prese con il rozzo nascere del capitalismo moderno. E’ un racconto bracciantile, in una lingua impreziosita dal dialetto, intriso di credenze contadine, analisi popolari e populiste, rabbia e voglia di riscossa, di sovversione; l’immaginazione di un mondo in crisi ma pieno di possibilità, così lontano da noi ma anche così vicino, con un finale commovente ed un video esplicativo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: