CRONACA – Molestatore seriale, individuato grazie alla collaborazione dei cittadini

Smaltimenti Sud
eventi tenuta santa cristina venafro
ristorante il monsignore venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
Maison Du Café Venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia

CAMPOBASSO – E’ stata una telefonata alla Squadra Mobile della Questura di Campobasso, proveniente da un Commissariato di una città emiliana, a portare all’identificazione del giovane che, il 17 ottobre scorso, molestò sessualmente due ragazze, che si trovavano nella zona universitaria del capoluogo.

Un cittadino, originario della provincia di Campobasso, ma residente in Emilia, aveva infatti visto -sui media molisani- le immagini del presunto molestatore diffuse dalla Polizia e, in forma anonima, aveva voluto fornire indicazioni su chi potesse essere l’uomo immortalato dalle telecamere della zona, dando così una svolta alle indagini.  A garantire certezza sull’identità dell’uomo, altre decine di segnalazioni giunte al 113.

Gli agenti della Squadra Mobile hanno così potuto stringere  il cerchio intorno ad un ragazzo della provincia di Campobasso, classe 1994, operaio edile.

La Polizia ha recuperato e sequestrato gli indumenti indossati quel 17 ottobre e questi, una volta in Questura, si è assunto le proprie responsabilità, ma solo per un episodio, fornendo persino una fantasiosa giustificazione. Ma l’attività investigativa degli inquirenti ha permesso di addebitargli ben nove tentativi di molestie, tutti documentati.

Dopo i fatti del 17 ottobre, infatti la Squadra Mobile aveva deciso di riaprire le indagini anche su altre querele, presentate negli ultimi due anni a Campobasso.

In nessun caso l’autore dei reati era stato identificato, ma modus operandi e descrizione del giovane molestatore erano compatibili con il soggetto immortalato recentemente dalle telecamere. L’uomo era sempre indicato dalle vittime come un giovane di circa 30 anni, alto 1.75, capelli corti castani, corporatura magra.

Anche in questi casi il responsabile aveva sorpreso giovani donne per strada, spesso studentesse universitarie, le aveva seguite, aggredendole alle spalle e palpeggiando le vittime nelle parti intime.

Successivi approfondimenti investigativi, coordinati dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Campobasso dott. Nicola D’Angelo, hanno fatto emergere altri episodi di aggressione di cui l’uomo si è reso protagonista in passato.

Un altro tentativo di violenza sessuale (il terzo) è avvenuto sempre la mattina del 17 ottobre sempre nella zona universitaria,  anche in questo caso l’uomo aveva bloccato alle spalle un’altra studentessa, simulando un gesto sessuale e palpeggiandola.

Anche qui, l’intervento di un testimone aveva messo in fuga il molestatore. La ragazza, che inizialmente non aveva nemmeno avuto la forza di presentare la denuncia, ha riconosciuto il suo aggressore.

Questi gli altri episodi addebitatigli, oltre ai tre nella mattina del 17 ottobre scorso:
– 07.10.2016, in orario serale, nei pressi di un supermercato in via Insorti d’Ungheria, ai danni di una giovane donna;
– 25.07.2016  all’ora di pranzo, nei pressi di via Novelli, ai danni di una giovane donna;
– 09.09.2016, in mattinata, nelle adiacenze di un albergo in via Novelli, ai danni di una giovane donna;
– 03.06.2016, nel primo pomeriggio in via De Sanctis ai danni di una giovane donna;
– 06.05.2016, in tarda mattinata in via De Sanctis ai danni di una giovane donna;
– 18.02.2015, nelle prime ore della mattinata, in zona universitaria, ai danni di una giovane donna di nazionalità rumena, davanti alla quale si è denudato in parte, chiedendole un rapporto sessuale.

L’operaio è stato denunciato e sarà sottoposto all’iter  del procedimento penale che si è aperto a suo carico. Inoltre, l’uomo ha confessato, in presenza del suo avvocato di fiducia, Angelo Piunno del Foro di Campobasso, di aver consumato altri reati simili, preso, a suo dire, da irrefrenabili ed incontrollabili istinti sessuali, per i quali ha manifestato anche la volontà di  sottoporsi  alle cure del caso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone di caprio
colacem
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: