POLITICA – Fuori i conti

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
faga gioielli venafro isernia cassino
pasta La Molisana
ristorante il monsignore venafro
eventi tenuta santa cristina venafro

CAMPOBASSO – Un battaglia spicciola che ha pochissimo di politico e di sociale. Referendum o meno ci si “appiccica” sul SI o sul NO prendendo per il bavero la regione come se avesse una sola cosa negativa quella degli stipendi d’oro dei consiglieri regionali.  Da una parte il premier Renzi che non demorde a sottolineare e pertanto a tratteggiare un Molise evidentemente piccolo e quindi poco produttivo che ha tantissimi amministratori e perciò costoso, dall’altra il risentimento di chi si sente colpito dalle frecciate dello stesso presidente del Consiglio e teme di perdere i privilegi  e autoreferenzialità.

E ora quindi fuori i conti.

Il consigliere regionale Michele Petraroia punto nell’orgoglio di molisano e qui ci siamo e di chi potrebbe rimanere una metà dell’indennità in banca se passa il SI, replica ora dal fronte della Sinistra, ieri nella maggioranza del Pd di palazzo Vitale, con un puntuale approfondimento e così commenta Renzi: <forzature propagandistiche finalizzate a strumentalizzare un argomento, umiliare un territorio o  prendere di mira un’istituzione regionale, pur di acquisire con una battuta ad effetto un ritorno elettorale. Nel corso delle ultime settimane, a più riprese, ha ritenuto di derubricare la mancata adesione di gran parte dei Consiglieri Regionali del Molise al Referendum sulle modifiche costituzionali, per timore di una riduzione delle indennità stante l’obbligo di adeguarle a quelle del Sindaco di Campobasso>. Poi va ai conteggi: <Al solo scopo di chiarire i termini della questione, puntualizzo che tra i 6 mila euro di indennità lorda prevista per il Consigliere Regionale del Molise, ed i 4.870 euro lordi del Sindaco del Capoluogo sussiste un’oggettiva differenza pari a 1.130 euro lordi mensili, che moltiplicati  per 21 Consiglieri  sommano l’importo di 23.730 euro al mese e a 284.760 euro annui. E’ indubbio che in caso di affermazione del SI in Molise ci sarà questa riduzione dell’indennità a beneficio delle casse statali, ma ho il serio timore che in base al medesimo parametro i Consiglieri Regionali di Lazio, Lombardia, Piemonte, Campania, Liguria e di buona parte delle restanti regioni italiane percepiranno un’indennità superiore perché i Sindaci delle città capoluogo percepiscono indennità rapportate al numero degli abitanti e quindi più elevate di quelle del Sindaco di Campobasso>. Aggiunge: <Chiarito sul piano aritmetico che l’argomento utilizzato si traduce in un aumento della spesa pubblica e non in un risparmio, rimane sul piano politico un Presidente del Consiglio dei Ministri che nell’esercizio delle proprie funzioni, al cospetto di milioni di italiani, e in più circostanze, esprime un giudizio non positivo su amministratori regionali non allineati con la propria posizione>. Di proposte di provvedimenti riferiti a tagli e riduzioni radicali delle indennità dei vitalizi afferenti alla politica locale ce ne sono stati tanti in Consiglio regionale mai comunque realizzati e finalizzati  nella pienezza dei loro fini e contenuti con la corresponsabilità totale.  

Le altre posizioni argomentate sulla politica generale e di Governo ci interessano poco in questo passaggio, ripeto questo passaggio, attenzione!!! Avremmo voluto, invece, che la presa di posizione ci fosse stata solo sulla sostanza dell’atteggiamento poco gradevole posto nei confronti del Molise, quello della gente e non dei politici. E  invece la confusione e il buon senso sono sempre scarsi perchè si parla di Molise confondendolo o mischiandolo con quello dei politici o di amministratori provenienti da una politica fantasma,  e non riferendosi in sostanza a quella parte di Italia piccola ma per bene che più che altro suda, lavora, soffre, arranca, piange si dispera più che gioire.

Aldo Ciaramella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
Maison Du Café Venafro
colacem
Futuro Molise
pasticceria Di Caprio
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone di caprio
colacem
pasticceria Di Caprio
Maison Du Café Venafro
Futuro Molise
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

Aziende in Molise »

  • Maxi affari

    MAXI AFFARI

    by on
    Maxi affari srls SS85 Venafrana, 25+600 86077 Loc. Trivento Pozzilli (IS) © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Bar il Centrale Venafro

    BAR IL CENTRALE

    by on
    Bar il Centrale Corso Campano, 34 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 904280 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • power car officina meccanica venafro

    POWER CAR

    by on
    Power Car srls SS 85 Venafrana, 10 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 900951 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • ASSIKURA ASSICURAZIONI

    by on
    Assikura assicurazioni di Siravo Fabrizio Via Alessandro Volta n. 4, 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 250669 Cell. 335 1550250 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Forte Carni E Salumi La Porchetta

    FORTE CARNI E SALUMI LA PORCHETTA

    by on
    “Forte” Carni E Salumi La Porchetta Via Atinense, 86077 Pozzilli (IS) Telefono 371 3358072 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • La Taverna di Camillo

    LA TAVERNA DI CAMILLO

    by on
    La Taverna di Camillo Via Maria Pia di Savoia, 125 – 86079 Venafro (IS) Telefono 342 1267431 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • DIMENSIONE SPORT

    by on
    Dimensione Sport Corso Campano, 173 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 902217   © RIPRODUZIONE RISERVATA
error: