INVINCIBILI – Nel Natale c’è anche chi, nonostante tutto, non si arrende

Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Maison Du Café Venafro
ristorante il monsignore venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
faga gioielli venafro isernia cassino

CAMPOBASSO – C’è anche un Molise che non si arrende e nel giorno più importante dell’anno, il Natale, probabilmente riceve un’attenzione maggiore. A soffermarsi su questo spaccato della vita molisana che comunque caratterizza i lati deboli e forti del volto regionale è Michele Petraroia che sottolinea. <C’è chi non si arrende alle angherie, ai soprusi, al dolore, alla violenza, alla solitudine, alla sofferenza, all’ipocrisia e al servilismo.

C’è chi continua a lottare per un ideale e contro l’ingiustizia o più banalmente contro le vicende amare della vita, non smarrendo mai il senso del proprio cammino e tanto meno la dignità> Il bianco e nero della società molisana su alcuni casi e così riassunta. <Domenico aveva necessità di un intervento al cuore ma al Cardarelli non era possibile e alla Cattolica era stato superato il budget 2016 e bisognava aspettare il nuovo anno.

Non si è arreso, è andato all’Ospedale Civile di Caserta dove è stato ricoverato ed operato con successo. Manuela è una donna dalla tempra forte, è arrivata in Molise da 15 anni, ha studiato e lavorato, adattandosi anche alle attività più semplici e soffrendo sulla propria pelle il mancato pagamento di otto mensilità e della liquidazione. Un male aggressivo l’ha obbligata a cure e interventi, ma non si è arresa.

Al Cardarelli e in Molise, ci sono problemi per le patologie oncologiche ai polmoni, ma lei si è ricoverata all’Ospedale Civile di Benevento e lotta con una determinazione straordinaria. Maurizio dopo aver perso il lavoro in una grande azienda locale dieci anni fa ha conosciuto le asprezze della precarietà, del lavoro nero e della disoccupazione, ma non si è arreso nemmeno al cospetto di tre mensilità che vanta nei confronti di una cooperativa convenzionata col Ministero dell’interno.

Emiddio, vive il dramma dei 2 mila lavoratori molisani che attendono da un anno di percepire la mobilità in deroga 2015, ascolta tante parole ma è arduo andare avanti senza un lavoro e un reddito. Non si arrende e continua a lottare insieme a Paola, ad Anna, a Giuseppe e ai tanti operai che vivono il suo stesso disagio.

Davide dopo il fallimento di una delle più importanti aziende regionali si è buttato anima e corpo in una nuova sfida imprenditoriale, soffre ma prova a reagire senza piangersi addosso. Peppino corre per problemi di salute da Termoli a Bari o Campobasso, ma non si arrende ed è in prima linea in compagnia degli altri operai in presidio che lottano per il lavoro da tre mesi nel Basso Molise>

Un raggio di luce e di incoraggiamento per il futuro: <Nino si è ritrovato a fare il Presidente di una delle più belle strutture molisane di integrazione e si è inventato un progetto con l’Università per coltivare, produrre e vendere i prodotti tipici, biologici e di qualità di Isernia. Non si ferma mai e riesce a conservare sempre un sorriso che gli illumina il volto.

Franco impegnato in una delle più significative associazioni nazionali a tutela della legalità, con una dedizione straordinaria non lascia mai una familiare colpita da una gravissima patologia, ma è sempre pronto a incoraggiare i suoi compagni di strada spronandoli a battersi con la schiena dritta e a non desistere.

Gianluigi è silenzioso, opera con tenacia in difesa dell’ambiente, non si lascia irretire dai mille ostacoli che gli frappongono sul suo cammino, e non si arrende all’ineluttabilità della vittoria dei forti e dei ricchi contro chi non ha voce e non gode di sostegni nei palazzi del potere. Biase è un ragazzo con le idee chiare, lotta per il diritto allo studio e ha difeso con grinta la Costituzione, senza mai arretrare con una generosità e uno slancio ammirevole.

Sono tanti i molisani che vivono la desolazione di paesi in cui non nasce più un bambino e con più funerali al giorno, vedono andar via i figli e chiudere gli uffici, le scuole, le poste e gli ospedali, ma non per questo si arrendono alla rabbia e allo sconforto. C’è anche in Molise, un Natale che non si arrende e a cui bisogna inchinarsi>.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: