ISERNIA – Il “dentino” dimenticato e l’economia che non gira

Smaltimenti Sud
eventi tenuta santa cristina venafro
ristorante il monsignore venafro
pasta La Molisana
Maison Du Café Venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia

ISERNIA – Quello che può essere considerato il reperto umano più antico d’Italia e forse d’Europa, cioè il dentino recuperato nel 2014 durante gli scavi in località “La Pineta”, risalente a circa 600.000 anni fa, sembra essere stato dimenticato. Quando la notizia fece il giro del mondo, sembravano tutti essere interessati alla cittadina molisana, tra ricercatori (anche internazionali) e studiosi di vario genere.

Eppure, a distanza di qualche anno, la nostra Regione non è riuscita a canalizzare i turisti, non riuscendo a promuovere lo sviluppo del territorio e le bellezze archeologiche della zona, anzi, la città di Isernia, in questi anni, ha perso persino la sede della facoltà di Lettere e Beni Culturali, un po’ per mancanza di iscritti, un po’ per via dell’alto costo dell’affitto quando la sede stava nel Palazzo Vescovile.

La politica e il mondo accademico non hanno fatto abbastanza per evitare che i giovani si spostassero a studiare al Nord o all’estero. La speranza è che venga data la giusta importanza al reperto, ma soprattutto che sia fatta la giusta programmazione turistica, affinché torni a “girare” l’economia della città e di tutto il Molise.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: