ISERNIA – Il “dentino” dimenticato e l’economia che non gira

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
vaccino salva vita

ISERNIA – Quello che può essere considerato il reperto umano più antico d’Italia e forse d’Europa, cioè il dentino recuperato nel 2014 durante gli scavi in località “La Pineta”, risalente a circa 600.000 anni fa, sembra essere stato dimenticato. Quando la notizia fece il giro del mondo, sembravano tutti essere interessati alla cittadina molisana, tra ricercatori (anche internazionali) e studiosi di vario genere.

Eppure, a distanza di qualche anno, la nostra Regione non è riuscita a canalizzare i turisti, non riuscendo a promuovere lo sviluppo del territorio e le bellezze archeologiche della zona, anzi, la città di Isernia, in questi anni, ha perso persino la sede della facoltà di Lettere e Beni Culturali, un po’ per mancanza di iscritti, un po’ per via dell’alto costo dell’affitto quando la sede stava nel Palazzo Vescovile.

La politica e il mondo accademico non hanno fatto abbastanza per evitare che i giovani si spostassero a studiare al Nord o all’estero. La speranza è che venga data la giusta importanza al reperto, ma soprattutto che sia fatta la giusta programmazione turistica, affinché torni a “girare” l’economia della città e di tutto il Molise.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: