REGIONE – Universitari fuori dalle audizioni consiliari protestano rivendicando i loro diritti

La Molisana Natale plastica
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – Studenti, soprattutto universitari, e politica un binomio inconciliabile. Protestano quelli dell’Unimol rimasti fuori da ogni audizione soprattutto quelle regionali e ora dalla I^ presieduta dal consigliere Di Nunzio che in questi giorni sta procedendo ad una serie di confronti per moderare la manovra di Bilancio di previsione 2017 su più livelli di interessi collettivi. In data 18 Gennaio 2017, come scrivono in una nota i rappresentanti degli studenti universitari all’interno del CDA ESU, Conferenza Regione – Università e Consiglio d’Amministrazione Unimol, hanno inviato pertanto una richiesta di audizione in merito alle fondamentali questioni inerenti la tassa regionale, le borse di studio ed il servizio trasporti (con particolar riguardo alla sede Universitaria di Pesche).

<Dinanzi a tali richieste la segreteria della I Commissione ci ha chiesto di inviare una semplice documentazione sull’argomento; successivamente, il 19 Gennaio 2017, su interrogazione verbale da parte di altro membro della medesima commissione, il Presidente Di Nunzio ha affermato che, dato l’invito già inoltrato e non accolto dall’Università del Molise e dall’Esu (che per vari motivazioni non hanno potuto prendere parte agli incontri), non fosse opportuna la partecipazione dei rappresentanti degli studenti, a suo dire semplici cittadini, dunque non legittimati a partecipare>.

A questo punto gli studenti universitari chiariscono agli organi regionali chiamati in causa che <ogni anno noi studenti universitari versiamo alle casse regionali € 140,00 di tassa regionale per il Diritto allo Studio, e trattandosi di una questione relativa allo stanziamento dei relativi fondi, ci sembra più che legittimo dire la nostra sull’argomento. Ricordiamo altresì che siamo rappresentanti degli studenti ELETTI da tutti gli studenti Unimol in organismi riconosciuti nel loro funzionamento dal Ministero dell’Università e della Ricerca. Rappresentiamo gli studenti di una realtà, l’Università degli Studi del Molise, che vorremmo ricordare, quest’anno ha superato il record storico di immatricolazioni e che rappresenta l’unica valida struttura di sostegno e crescita per noi giovani sul territorio>.

Gli studenti sottolineano come in anni precedenti sia stata ammessa la partecipazione dei rappresentanti degli studenti in determinate sedute del Consiglio Regionale e questa volta mentre questa volta ci si ostini a volerla impedire.

<Pertanto -concludono-  non possiamo che rivolgere il nostro appello al Presidente di Regione Frattura affinché permetta un intervento diretto di noi rappresentanti in Regione al fine di far valere una volta per tutte i diritti degli studenti, e di avere lui stesso come interlocutore sulle seguenti questioni, in cui la Regione Molise si dimostra ancora inadempiente:

  • Rimborso della tassa regionalea.a. 2014/2015 – 2015/2016 – 2016/2017
  • Copertura totale delle borse di studio a.a. 2016/2017
  • Servizio di trasporto per gli studenti presso la sede universitaria di Pesche.

 

<Esigiamo -precisano- un intervento tempestivo da parte della regione volto a risolvere tali problematiche, già note, che da tempo affliggono noi studenti>.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
colacem
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: