COMUNITÀ MONTANE – Soppresse e senza servizi, la Regione stanzia milioni di euro per enti defunti

pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
ristorante il monsignore venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
eventi tenuta santa cristina venafro
Smaltimenti Sud

MOLISE – La Regione Molise, con la legge regionale n.6/2011, ha stabilito la soppressione ed estinzione delle Comunità Montane.

Con successivi Decreti Presidenziali sono stati nominati i commissari liquidatori con l’indicazione precisa dei loro compiti-competenze, finalizzati alla liquidazione delle Comunità Montane, garantendone il funzionamento fino all’estinzione delle procedure liquidatorie.

Questa norma, così scritta, comporta l’obbligo da parte dei Comuni Molisani di continuare a versare sia le quote associative spettanti,  sia i corrispettivi dovuti per i servizi comunali svolti in forma associata.

I commissari liquidatori hanno provveduto alla ricollocazione di buona parte del personale dipendente delle Comunità Montane mediante le regole della loro utilizzazione in posizione di distacco presso la Regione Molise. Gli stessi commissari hanno anche alienato i beni immobili, mobili e le attrezzature di proprietà  delle stesse Comunità Montane.

I Comuni quindi non possono più usufruire dei servizi svolti in forma associata dalle Comunità Montane, poiché le stesse sono svuotate sia di personale sia dei mezzi necessari. Nonostante ciò, sui Comuni grava ancora l’onere del versamento della quota associativa annuale.

Gli amministratori, i sindaci, ma soprattutto i cittadini, si chiedono perché la collettività debba ancora contribuire al pagamento di  somme dovute ad un Ente, le Comunità Montane, non produttivo di servizi.

Nonostante tutto, la Regione Molise nella proposta del bilancio regionale 2017-2019 per la concessione del contributo di funzionamento degli organi e uffici delle Comunità Montane in liquidazione, ha stanziato la modica somma di € 3.323.927,47 per l’anno 2016 e € 2.400.000,00 per ciascuno degli anni dal 2017 al 2019.

Giusta sarebbe la massima del grande Totò: “Ed io pago!”.

Il Movimento “Partecipa” dopo aver ravvisato tutto ciò non può sottrarsi di formulare qualche domanda  a chi di dovere.

Come mai la Regione Molise stanzia delle somme così importanti per un Ente ormai defunto?

Per quanto tempo ancora i cittadini molisani dovranno assistere a spreco di denaro pubblico di queste dimensioni?

Per quale motivo i Comuni sono ancora obbligati a versare le rispettive quote associative se in cambio non possono avere servizi reali?

Per arrivare alla definitiva estinzione delle Comunità Montane quanti anni sono ancora necessari?

Certo è che questi fondi destinati alla liquidazione delle inesistenti Comunità Montane sin dall’anno 2011 e programmati  in €. 10.523,927,47 dal 2016 al 2018 sicuramente potevano essere destinati a finanziare altri servizi e/o al mantenimento ed allo sviluppo di altri organismi di certo più utili alla collettività.

Pensiamo per esempio al Museo Winterline, alle sedi periferiche dell’Agenzia Regionale dello Sviluppo Agricolo, ai servizi Utenti Motori Agricoli (UMA) e tanti altri ancora.

Perché non riorganizzare e  potenziare l’inesistente Protezione Civile (una volta fiore all’occhiello della Regione), oggi in pericolo di chiusura per mancanza di fondi destinati al rinnovo da parte della Regione dei  contratti di fitto?

Perché non rimodulare delle somme così importanti e investirle nel triennio nella Sanità, nei servizi di prevenzione ed assistenza,  e nella tutela dei rischi ambientali?

Forse perché la sanità in Molise già è in grado di erogare una offerta sanitaria d’eccellenza e l’aria che siamo costretti a respirare è fin troppo salubre?

Si ha la sensazione che questa situazione di sperpero di denaro pubblico debba continuare ancora per molti anni con la sola finalità di accontentare i soliti amici e a non litigare con quei pochi dipendenti rimasti ormai inutilizzati presso le sedi delle Comunità.

Sono tutte domande che il Movimento Partecipa rivolge all’istituzione regionale fiduciosa, forse,  di ricevere al più presto risposte esaurienti e puntuali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
pasticceria Di Caprio
Futuro Molise
Maison Du Café Venafro
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Maison Du Café Venafro
Futuro Molise
panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
pasticceria Di Caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

Aziende in Molise »

  • Maxi affari

    MAXI AFFARI

    by on
    Maxi affari srls SS85 Venafrana, 25+600 86077 Loc. Trivento Pozzilli (IS) © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Bar il Centrale Venafro

    BAR IL CENTRALE

    by on
    Bar il Centrale Corso Campano, 34 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 904280 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • power car officina meccanica venafro

    POWER CAR

    by on
    Power Car srls SS 85 Venafrana, 10 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 900951 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • ASSIKURA ASSICURAZIONI

    by on
    Assikura assicurazioni di Siravo Fabrizio Via Alessandro Volta n. 4, 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 250669 Cell. 335 1550250 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Forte Carni E Salumi La Porchetta

    FORTE CARNI E SALUMI LA PORCHETTA

    by on
    “Forte” Carni E Salumi La Porchetta Via Atinense, 86077 Pozzilli (IS) Telefono 371 3358072 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • La Taverna di Camillo

    LA TAVERNA DI CAMILLO

    by on
    La Taverna di Camillo Via Maria Pia di Savoia, 125 – 86079 Venafro (IS) Telefono 342 1267431 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • DIMENSIONE SPORT

    by on
    Dimensione Sport Corso Campano, 173 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 902217   © RIPRODUZIONE RISERVATA
error: