CULTURA – Il maestro Fratianni esporrà nella Basilica del Campidoglio a Roma

Maestro Fratianni
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro
vaccino salva vita
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO –   Il Maestro d’arte Domenico Fratianni  nella prossima primavera sarà protagonista di un’antologica  nella Basilica del Campidoglio a Roma.

Un luogo incantevole e incantato per una mostra d’arte, dove l’artista molisano, con il suo repertorio, si confronterà con le opere in esso presenti, come gli ‘Evangelisti’, l’affresco del Pinturicchio. La Basilica di Santa Maria in Ara Coeli al Campidoglio, fondata nel Sesto secolo, è stata costruita nel Tredicesimo Secolo sulle rovine del Tempio di Giunone Moneta, ed è la chiesa regionale del Senatus Populusque Romanus.

L’antologica di Fratianni si svilupperà nello spazio mostre della Basilica, ma anche all’interno della Cappella, attraverso un percorso creativo, che evidenzierà sia il repertorio pittorico che incisorio di Fratianni. Deus ex machina della mostra è il Consigliere di Stato, Floriano De Santi, in Molise conosciuto per essere membro del Comitato Scientifico della “Biennale dell’Incisione Città di Campobasso”, che si svolge dal 2000 e che rappresenta uno dei momenti culturali più importanti della regione Molise.

<Fratianni, oltre che un fine artista nel campo della pittura, resta – ha spiegato De Santi – tra i maggiori protagonisti del Ventesimo e Ventunesimo Secolo dell’incisione italiana, dotato di una grande capacità tecnica e creativa, che lo pongono tra i più rilevanti esperti del settore. Del resto, la Biennale Città di Campobasso già da diverse edizioni gode del patrocinio della Presidenza della Repubblica. Faremo questa mostra – ha sottolineato lo storico e critico d’arte De Santi – in un luogo dove si mescolano diversi stili, dall’arte romana, alla medievale, alla rinascimentale, alla barocca. Nel catalogo dell’antologica di Fratianni metteremo in evidenza anche il valore della Basilica del Campidoglio e il suo culto, dato dalla Maria Vergine>.

Aggiunge: <Fratianni – ricorda il professor Floriano De Santi – torna a Roma dopo la sua precedente mostra all’Istituto Nazionale per la Grafica e la Calcografia, che riscosse un enorme successo su scala nazionale e internazionale. E questo appuntamento sarà almeno di pari valore. Il Molise deve essere orgoglioso di questo suo artista, sia perché a livello nazionale è particolarmente apprezzato sia perché, col suo impegno con la Biennale dell’Incisione Città di Campobasso, mantiene viva la cultura molisana con un evento che si pone come uno dei sette-otto che si svolgono su tutto il territorio nazionale. Basti pensare che uno dei primi a scommettere sulla Biennale del capoluogo molisano fu Giorgio Trentin, fondatore della celeberrima Biennale di Venezia. La mostra capitolina di Fratianni, in questo 2017, si pone come trai maggiori appuntamenti artistico-culturali della regione Molise, anche per l’imponente flusso di turisti che, quotidianamente, visitano questo importante monumento>.

De Santi si spinge in avanti in considerazioni su alcune politiche di investimento locale e puntualizza.

<La politica – ha proseguito De Santi – soprattutto, in territori, come quello molisano, dovrebbe investire di più nella cultura, soprattutto di quegli artisti che portano il nome della propria città e della propria regione in giro per l’Italia e per il mondo. Il turismo si fa, anche e soprattutto, con la cultura, ma occorre crederci e investirci. Il mio discorso, comunque, si può estendere su scala nazionale. L’Italia è stata da sempre culla della cultura e io non posso tollerare quando si affidano le direzioni dei più importanti musei italiani ad artisti stranieri, che si sono formati sotto i nostri grandi maestri, da troppo tempo sacrificati da logiche (politiche) che non hanno né capo né coda>.

Anche il Molise ha artisti importanti.

<Campobasso e il Molise – ha ricordato Floriano De Santi – ha avuto e ha diversi artisti importanti. Oltre a Fratianni, io ho apprezzato molto lo scultore Gino Marotta. E dai vostri grandi artisti che la cultura molisana dovrebbe prendere lo slancio per far arrivare il nome della vostra stupenda regione in giro per la Penisola e per il mondo. La valorizzazione del Molise, una regione con storia e tradizione, passa per la rivalutazione dei grandi talenti nati e vissuti sul territorio>.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: