CASO CUCCHI – Chiesto il processo per i cinque carabinieri

Stefano Cucchi
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro

CRONACA – Chiesto dalla procura di Roma il rinvio a giudizio dei cinque carabinieri coinvolti nell’ inchiesta sulla morte di Stefano Cucchi, avvenuta il 22 ottobre 2009 nell’ospedale Sandro Pertini.

Per tre militari l’accusa è di omicidio preterintenzionale, per gli altri due i reati sono di calunnia e di falso.

La vicenda di Stefano Cucchi, il 31enne romano, torna di viva attualità a seguito della decisione della Magistratura di riaprire il caso che tanto continua a coinvolgere e far discutere l’opinione pubblica italiana a 12 anni da quei tragici avvenimenti.

E con la riapertura della storia, che ricordiamo ha già vissuto tre processi ed un giudizio di legittimità in Cassazione, emergono presunte responsabilità a carico di tre Carabinieri, che avrebbero avuto un preciso ruolo nell’accaduto essendo all’epoca in servizio nella Capitale.

Uno dei tali militari è molisano.

ADB, nativo di Venafro e residente a Sesto Campano, che assieme a due altri appartenenti dell’Arma deve rispondere oggi di omicidio preterintenzionale.

Ovviamente soddisfatta la famiglia Cucchi, in particolare la sorella di Stefano, “Sono emozionata, finalmente ci siamo” -sono state queste le prime parole che ha detto Ilaria Cucchi commentando la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla procura di Roma nei confronti dei cinque carabinieri-. “È il momento migliore -ha aggiunto- proprio in occasione dell’associazione dedicata a Stefano che presenterò il 18 febbraio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: