COSTUME – Neppure il calcio unisce la città

Campobasso Calcio
vaccino salva vita
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO – Campobasso Vastese non è solo una partita di calcio ma l’appuntamento con l’appartenenza, la condivisione delle appartenenze in una giornata di festa e di sport programmata anche per veicolare attraverso queste sfide sul rettangolo verde  il senso  e l’orgoglio del regionalismo, del Municipio, delle cose che si hanno e si possono offrire all’ospite.

E invece per quest’anno dobbiamo accontentarci probabilmente del gusto di un derby dove almeno ci auguriamo di arrivare al naturale obiettivo sportivo, quello del campo. Gara senza tifosi ospiti, questa la notizia, o solo 50 da quanto stabilito dalla Questura di Campobasso. Di più e se fossero stati 300 o 200 come preannunciato dalla cittadina abruzzese, il rischio sarebbe stato per l’ordine pubblico. Ferma da qui la posizione della tifoseria vastese .

<O tutti o nessuno>. Trecento in origine, cinquanta per la Questura, ora biancorossi risentiti, tutti assenti Decisione bloccata, irremovibile dove nessuno ha osato entrarci. Neppure le Istituzioni locali. Mai in passato, magari negli ultimi venti anni, si sono registrati scontri o incidenti tra le due tifoserie. Una scelta, pertanto che ha lasciato molto amaro in bocca in loco, incredulità e  rabbia nella tifoseria vastese impossibilitata a questo punto di poter raggiungere lo stadio Selva Piana e soprattutto sconforto nella società rossoblù che sperando di recuperare un buon incasso, per domenica dovrà, invece, accontentarsi dei soliti “spicci” del popolo rossoblù.

Ma non è così. Perché parte degli abbonati ha stabilito di pagare il biglietto di ingresso venendo incontro alla società e la tifoseria della curva nord, a 5 euro, ha deciso di aumentare al massimo il passaparola sportivo per domenica nel tentativo di riempirla. Naturalmente il provvedimento delle Forze dell’ordine non è andato giù alla società rossoblù tant’è che il presidente Perrucci sia deciso ad abbandonare il calcio e Aliberti, che è il sostenitore finanziario della società, sia seriamente intenzionato a lasciare a fine campionato. Questo episodio e tanti altri messi insieme testimoniano secondo loro, che il Campobasso, squadra del capoluogo di regione e quindi del Molise, non interessi ad alcuno e nessuno si prodiga per promuoverne la sua rinascita ad ogni livello e su tutti i fronti.                        

Aldo Ciaramella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
colacem
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: