RIONERO SANNITICO – Entra nel vivo il progetto di sviluppo territoriale

Rionero Sannitico
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro
vaccino salva vita

SVILUPPO – Il progetto “Rionero 2020”, presentato al pubblico lo scorso 27 dicembre a Rionero Sannitico, entra nel vivo.

Il percorso partecipativo, prevede  l’elaborazione di un Piano di sviluppo territoriale utile ad indirizzare le scelte politiche dell’amministrazione e fornire un quadro programmatico di riferimento per l’attuazione degli investimenti previsti nella programmazione europea 2014-2020. Si ispira ai principi e agli obiettivi della “Strategia Nazionale delle Aree interne”  e sarà uno strumento di raccordo tra le politiche europee, la programmazione regionale e lo sviluppo locale.

Il progetto è stato promosso dall’Amministrazione Comunale con il coordinamento dei tecnici Antonio Petrocelli e Marialaura Imbriaco, specialisti di urbanistica e pianificazione territoriale, assistiti da Ludovico Frate ricercatore Unimol in materia forestale e Alfonso Ianiro consulente e perito ambientale.

Un metodo di lavoro assolutamente innovativo nel panorama regionale in quanto, oltre agli aspetti tecnici, ci sarà la condivisione delle scelte da parte della comunità, che sarà protagonista nella progettazione del territorio, anziché essere destinataria passiva di scelte e interventi che spesso non generano alcun valore aggiunto, rendendo di fatto sterili gli investimenti attuati per lo sviluppo.

Lo strumento della partecipazione, quindi, diventa strategicamente importante per far emergere una proiezione di sviluppo che sia frutto dell’attenta analisi dei problemi e delle potenzialità del luogo, e per costruire una comune percezione dei problemi per poi individuare soluzioni condivise.

Lo scorso venerdì c’è stato il primo di numerosi incontri nel quale sono stati illustrati alcuni progetti di sviluppo locale attuati nel panorama nazionale, ed esposti gli strumenti utili ad una gestione condivisa del territorio e dei beni collettivi come le Cooperative di Comunità, con un breve focus sul caso di Pizzoferrato (CH) – dove è nata di recente “Ajavedé” , prima cooperativa di comunità in Abruzzo che gestisce il distributore di benzina del paese, produce tipicità agricole e gestirà le situazioni di emergenza neve – e il Patto di Collaborazione per la gestione condivisa dei beni comuni.

Avviata, inoltre, un’iniziativa di “web mapping” per permettere ai cittadini di segnalare i luoghi di che a vario titolo necessitano di attenzione e che condurrà alla realizzazione della “Mappa di Comunità”. Nei prossimi incontri la comunità sarà chiamata ad esprimersi sul riutilizzo del patrimonio edilizio in disuso per cui si sta realizzando un censimento, sulle opportunità di valorizzazione ambientale e paesaggistica, sulla possibilità di recuperare le colture tipiche e reinterpretare il ricco patrimonio immateriale che caratterizza il comune e sue frazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
colacem
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: