8 MARZO – Festa alle Poste, il 50% delle lavoratrici sono donne

uffici_postali
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO – Otto marzo, Poste italiane, qui è la festa. Un’azienda “in rosa” con la più alta percentuale di donne occupate in Italia, non solo in termini assoluti (73mila donne, il 53% dell’intero personale) ma anche nei ruoli dirigenziali (il 47% del personale con funzione di quadro).

L’assunzione di personale femminile all’interno dell’Azienda risale al 1865 -riferisce la Coordinatrice Donne Confederale della CISL, Annalisa Stefanelli-, ed è aumentata in modo graduale nel corso degli anni. Agli inizi del’ 900, per la prima volta, il ruolo femminile viene riconosciuto e tutelato, ma è durante la prima guerra mondiale che si assiste a un significativo aumento dell‟occupazione femminile per compensare i tanti dipendenti postali chiamati al fronte. Un percorso lavorativo lungo ed importante, legato a quello di un’Azienda che ha sempre rispecchiato l’evolversi dei costumi e delle consuetudini che caratterizzano il sistema Paese.

La giornata dell’8 marzo assume quindi un particolare significato anche per il Molise, una regione caratterizzata da un’alta presenza femminile all‟interno di Poste Italiane, alla sportelleria su 503 applicati il 60% è di sesso femminile, mentre sul recapito su 363 lavoratori il 53% sono donne. E in occasione della festa della donna, in un momento difficile è necessario precisare alcune verità sulla condizione delle moltissime donne che lavorano in Poste Italiane S.p.A.

“La realtà –precisa la coordinatrice donne della CISL Poste Federica Angeli- che vivono le lavoratrici di Poste Italiane è, complicata, proviamo a pensare alle difficoltà che ogni giorno affrontano le colleghe addette al recapito, alla corrispondenza che, con tutte le condizioni meteo, con le tante difficoltà nell’affrontare il malumore della clientela che ricevono la corrispondenza a giorni alterni, le colleghe sportelliste che subiscono continue lamentele dei clienti per lunghe code di attesa, per carenza di personale o per i numerosi difetti della piattaforma informatica, alle pressioni lavorative date dai direttori e dall’azienda, modificano l’organizzazione familiare in base all’azienda, perché convoca i lavoratori fuori dall’orario ordinario, chiama a continui straordinari e abbinamenti, solo cosi capiremo di cosa hanno bisogno le lavoratrici di Poste Italiane. Noi crediamo –conclude Angeli Federica la coordinatrice Donne– che Poste Italiane non promuove e sostiene con azioni concrete la crescita della professionalità femminile all’interno dell’azienda, adottando soluzioni efficaci a livello di formazione e di flessibilità che spesso sconvolgono l’organizzazione familiare di colleghe e colleghi senza neppure valutare le possibili soluzioni?”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail
NOTIFICA PER PUBBLICI PROCLAMI in ottemperanza alle ordinanze del TAR Molise nn. 162/2020 e 88/2021, rese nel giudizio N.R.G. 186/2020

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

NOTIFICA PER PUBBLICI PROCLAMI in ottemperanza alle ordinanze del TAR Molise nn. 162/2020 e 88/2021, rese nel giudizio N.R.G. 186/2020

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: