CRONACA – Corruzione carcere, coinvolto anche detenuto del penitenziario di Isernia

carcere isernia
Smaltimenti Sud
ristorante il monsignore venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
Maison Du Café Venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
faga gioielli venafro isernia cassino
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

ISERNIA – C’è anche un albanese A. A., 37 anni, (già detenuto presso la Casa Circondariale di Frosinone, attualmente ristretto presso Casa Circondariale di Isernia per droga) tra le 13 persone colpite da ordinanze di custodia cautelare (4 in carcere, 1 agli arresti domiciliari e 8 obblighi di dimora nel comune di attuale domicilio), emesse dal Gip del Tribunale di Frosinone per i reati di concorso in corruzione di pubblico ufficiale.

I militari del Nucleo investigativo dei carabinieri di Frosinone hanno eseguito i provvedimenti, questa mattina, tra la provincia di Frosinone e quelle di Latina, Napoli, Terni, Avellino, Pistoia e nella struttura di Ponte San Leonardo a Isernia.
L’indagine era partita mesi fa dopo il ritrovamento, da parte di personale della polizia penitenziaria, di alcuni telefoni cellulari custoditi all’interno di alcune celle della casa circondariale del frusinate.
Gli inquirenti hanno ricostruito nei mesi dell’inchiesta presunti episodi di corruzione da parte di quattro detenuti del carcere di Frosinone nei confronti di un assistente capo della polizia penitenziaria, che prestava servizio nella struttura, attualmente ristretto ai domiciliari.
L’attività reiterata nel tempo aveva permesso ai carcerati di poter usufruire di sim e telefonini, ma anche di essere riforniti di droga e altre facilitazioni.
Il blitz degli uomini dell’Arma è scattato in mattinata, a pochi giorni dalla fuga dallo stesso carcere di Alessandro Menditti affiliato al clan del Casalesi.
Oltre al 47enne ciociaro, all’albanese ospitato a Isernia, l’ordinanza del Gip ha colpito anche L. G. albanese, 35 anni, (già detenuto presso la Casa Circondariale di Frosinone, attualmente ristretto presso la Casa Circondariale di Spoleto per droga, rapina e sfruttamento della prostituzione); S. D. M. rumeno 26 anni (già detenuto presso la Casa Circondariale di Frosinone, attualmente agli arresti domiciliari per reati di droga); C.D. napoletano, 26 anni, (già detenuto presso la Casa Circondariale di Frosinone, attualmente ristretto presso Casa Circondariale di Ariano Irpino – AV per droga e rapina); C.M. cagliaritana, 41 anni; C.E. originaria di Cardito (NA), 45 anni; M.E. originario di Cardito (NA), 40 anni; A.P., originario di Sabaudia (LT), 52 anni; A.P. originaria di Latina, 38 anni; R. P., originaria di Sabaudia (LT), 45 anni. Tutti sono ritenuti responsabili di concorso in corruzione di pubblico ufficiale, mentre L. G. anche di sfruttamento della prostituzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
panettone artigianele natale di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: