CRONACA – Arrestati i due aggressori di un sabato sera di sangue

Smaltimenti Sud
ristorante il monsignore venafro
pasta La Molisana
eventi tenuta santa cristina venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
Maison Du Café Venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia

CAMPOBASSO – Ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Campobasso su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di due soggetti pregiudicati residenti nel centro cittadino per i reati di rapina aggravata dall’uso delle armi e lesioni personali gravi in concorso.

L’esecuzione del provvedimento è stata eseguita nel pomeriggio dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico-Squadra Volante della Polizia di Stato di Campobasso, unitamente al personale della locale Squadra Mobile.

Le comunicazioni sul caso sono state rese oggi nel corso di una conferenza stampa condotta dal commissario capo della Polizia di Stato Vincenzo Coletta coadiuvato dall’ispettore superiore coordinatore delle Volanti Michele Giglo e dall’ispettore superiore Saverio Ricciardi.

I giovani arrestati T.S. di anni 25 e P.F. di anni 24 sono stati condotti uno presso la locale Casa Circondariale, l’altro agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

L’episodio delittuoso risale alla notte del 12 marzo scorso allorquando giungevano al 113 diverse richieste di intervento per rissa nella centralissima via Ferrari, zona dei pub.

Tempestivamente due equipaggi della Squadra Volante giungendo sul posto si trovavano dinanzi ad una scena quasi surreale, ovvero un giovane completamente coperto di sangue con una mano lacerata, quasi privo di sensi; sin da subito gli agenti intervenuti riuscivano ad individuare e poi bloccare i due giovani autori del reato conducendoli in Questura per i primi accertamenti che consentivano di indagare in un primo momento i due fermati per lesioni gravi.

Nel contesto veniva sequestrata anche l’arma utilizzata per il ferimento un coltello con una lama lunga oltre 20 centimetri. Il ferito invece veniva immediatamente ricoverato presso il locale Ospedale dove subiva un delicato intervento chirurgico alla mano. Le investigazioni successive consentivano di ricostruire quanto accaduto.

 La Polizia sentiti numerosi testimoni e visionate le telecamere del posto redigeva una copiosa informativa depositata presso la locale Procura della Repubblica. Dove emergeva un quadro  probatorio ben diverso da quello palesato nel primissimo intervento.

Infatti da quello che sembrava un banale litigio o una zuffa del sabato sera motivata da qualche bicchiere di troppo si rilevava essere una vera e propria rapina aggravata dall’uso delle armi in cui l’aggressore aveva fatto richiesta di piccole somme di danaro sistematicamente rifiutate dalla vittima.

Fondamentale nel contesto di questo episodio di cruenta cronaca, come sottolinea la Polizia di Stato, è stata la combinazione di due elementi fondamentali, ovvero le telefonate al 113 di ignari cittadini del posto e il conseguente tempestivo intervento degli Agenti delle Volanti sempre presenti sul territorio. E noi aggiungiamo e suggeriamo se ci viene permesso, la presenza quasi di un posto di blocco o di vigilanza o di discreta presenza in piazza Pepe dove tra l’altro è ubicata la sede della Prefettura, delle Forze dell’ordine, dalla Municipale alla Guardia di Finanza o Forestale soprattutto nel giorno più affollato della Movida, il sabato sera, per scongiurare questi tipi di reato che disgustano la città e i cittadini e soprattutto mettono paura a quei ragazzi e giovani che trovano il gusto e il piacere nel fine settimana di divertirsi in compagnia nei pub della zona. Tra l’altro in via Ferrari e nei dintorni non è la prima volta che accadono risse e assembramenti pericolosi. Lodevole e tempestiva l’arrivo e l’impegno della Polizia di Stato che ovviamente deve tappare tanti buchi al sabato sera insieme alle altre forze dell’ordine, ma chissà che attraverso un miglior coordinamento tra tutti e soprattutto programmando una vigilanza più stretta nelle zone calde della città si possa evitare che succedano di questi episodi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: