POZZILLI – Torna “La Passione” giunta alla IV edizione

La Passione a Pozzilli
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
vaccino salva vita
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana

EVENTI – Novità dell’anno sarà la partecipazione dei ragazzi africani che vivono da oltre un anno nel Comune.

Fervono i preparativi a Pozzilli, dove venerdì 7 aprile 2017 dalle ore 20:30, in località “Belvedere”, torna in scena la rappresentazione de “La Passione”, giunta, ormai, alla sua IV edizione.

Organizzata dalla Parrocchia Santa Caterina e da un gruppo di “amici” che caparbiamente non hanno voluto far perdere la tradizione, vede impegnati da oltre tre mesi numerose persone nelle prove, coinvolte direttamente nella rappresentazione o nella realizzazione delle scene, dei costumi e dell’organizzazione in generale.

Un evento che negli anni ha fatto conoscere Pozzilli grazie alla all’alta qualità della rappresentazione, difficilmente eguagliabile dagli altri comuni della zona.

Ci saranno attori, già “navigati”, avendo già partecipato alle scorse edizioni, ma ve ne saranno altri che riceveranno, per così dire, il “battesimo” del palco, proprio quest’anno.

La Passione a Pozzilli 2Questi i numeri della IV edizione: 25 soldati romani (quest’anno con le fantastiche armature della “Gens Julia” di Venafro), 8 cavalli finemente bardati, addestrati e preparati per una scenografia mozzafiato; oltre 30 bambini delle scuole elementari, oltre 100 figuranti dal più piccolo di soli 7 anni, per finire con i “nonni”, Antonio ed Eugenio, ultraottantenni. Non mancheranno sarte, fabbri, falegnami, ma soprattutto, tanta buona volontà.

Questi, invece, saranno i protagonisti:

Sergio Calleo avrà la parte di Gesù, Domenico Fella quella di Pilato, Giuseppe Ricci sarà Quintilio, il “nonno” Eugenio di Meo sarà Giuda, Giampiero Siano il Sommo sacerdote Zera, Paola Franchitti, invece, sarà impegnata nella parte della Madonna, Paolo Iannarelli sarà il Cireneo, Adele Calleo nella parte della Veronica, Pietro Simonelli nella parte di Pietro, Fabrizio Forte nella parte di Giovanni, Ernesto Vettese nella parte del Centurione, Antonio Vettese, Antonio Lanni e Luca Iannarelli saranno i flagellatori di Gesù eil gruppo dei “Cavalieri dello Stincone” con i loro fantastici cavalli.

Non è finita qui: se l’anno scorso le “ndocce” di Agnone hanno illuminato la Via Crucis per la prima volta nel nostro territorio, in un’atmosfera unica che ha lasciato un ricordo indelebile a chi ha assistito, quest’anno si è voluto dare un messaggio ed una nota di “colore”: parteciperanno infatti a “La Passione” i ragazzi africani che da oltre un anno vivono a Pozzilli e perfettamente integrati nella comunità.

“Hanno immediatamente detto di si al nostro invito” – ci riferisce Padre Rino, parroco di Pozzilli – “e nonostante siano anche di fede differente dalla nostra non hanno esitato un attimo a voler partecipare e “capire” anche la nostra rappresentazione dal punto di vista religioso. Insieme a loro la nostra comunità vuol lanciare un messaggio di speranza: Integriamo e integriamoci! Sono ragazzi che hanno sofferto tantissimo. Spetta anche a noi farli sorridere e alleviargli un po’ di tristezza”.

Non sono mancati i contributi di vari sponsor e delle istituzioni per la riuscita dell’evento.

“Vedere migliaia di persone” – aggiunge il Sindaco Stefania Passarelli – “che si adoperano per la riuscita di questo suggestivo evento è motivo di orgoglio per il nostro paese. Il gruppo rappresenta per noi una risorsa davvero importante. Riuscire a portare nel nostro paese migliaia di persone per una rappresentazione come “La Passione” ci rende felici e orgogliosi. Quest’anno grazie ad un nuovo impianto audio, la “Passione di Cristo” sarà ancora piu’ suggestiva”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
error: