UNIVERSITA’ – 34 candeline, la presidente Boldrini ai giovani “Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni”

boldrini-unimol
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO – Inaugurato l’anno accademico n°34.

L’Università degli studi del Molise saluta ospiti, Rettori e non di altre Università invitati, docenti, amministratori e soprattutto più di tutti l’ospite tanto atteso, Laura Boldrini presidente della Camera dei Deputati che ha dovuto rimandare questa visita all’Ateneo molisano in programma il 10 marzo ma rinviata a oggi per motivi di salute.

Una Università quella locale ormai adulta che ha avuto un incremento di studenti in questo corrente anno accademico di circa il 15% che celebra i suoi traguardi tra la soddisfazione generale degli addetti ai lavori e i riconoscimenti attribuiti dagli ospiti ma che diventa per un giorno considerato il parterre la sede istituzionale con la presenza dei massimi rappresentanti locali e quindi della terza carica dello Stato un luogo di riflessione e di confessione ad alta voce di quelli che sono i problemi i disagi e le difficoltà di ordine generale e popolare nei settori amministrativi sociali finanziari e soprattutto nella conduzione del welfare e del mondo del lavoro giovanile in particolare a quanti una volta usciti dall’Università devono abbandonare il Molise per trovare occupazione altrove.

E sul tema del lavoro si sono soffermati la Boldrini e il Governatore Frattura. La presidente della Camera nella sua frase finale di congedo alla platea dell’Aula Magna ne ha citato diventata famosa negli anni ed estrapolata dal pensiero della First lady americana Eleanor Roosevelet moglie del presidente Franklin Delano Rooselevet “Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni” e noi aggiungiamo rivolti ai giovani ” nessuno può farvi sentire inferiori senza il vostro consenso”.

L’intervento della presidente della Camera in premessa ha avuto toccate molto significative sul mondo giovanile frecciate per quello che non si fa per loro andando fino ai problemi delle Università nella parte finale del suo intrattenimento con il microfono.

Infatti si è soffermata in premessa e quasi sino alla conclusione sulla situazione finanziaria locale e globale e sui rimedi che potrebbero rimettere in piedi l’economia italiana puntando nelle sue valutazioni soprattutto a riaffermare la grande ricchezza del mady in Italy, delle sue bellezze archeologiche e su industria che comunque è la seconda in Europa.

Si è appassionata nel ribadire le diseguaglianze sociali ed economiche esistenti che caratterizzano povertà e disoccupazione  e sulle colpe della politica che non riesce a mitigare un problema che è soprattutto sociale ed etico.

“La gente è arrabbiata per questo e da qui ci si orienta verso l’autoarchia”.

Rivolto agli amministratori locali ha poi sottolineato che “bisogna ritornare agli investimenti pubblici che fanno da volano a quelli privati e superare l’austerità facendo cordata con altri paesi europei utilizzando al meglio le risorse dell’Unione.

Di problemi in casa nostra ne abbiamo tanti. Dal dissesto del territorio che dobbiamo mettere in sicurezza alle scuole alla Banda larga. Mi direte i soldi?

Abbiamo corruzione e evasione fiscale che prosciugano oltre 100 miliardi di euro e tanti sprechi che ci sono in giro che ci affossano”. Ha chiuso con l’appello a sostegno del lavoro e dei giovani quello, però, che attribuisce dignità e riconoscimento alla preparazione acquisita e a tempo perciò indeterminato.

Passando quindi alle attività delle Università e pertanto alle risorse che quest’ultime ricevono per i loro programmi scientifici e didattici ha concluso confermando che l’Italia all’ultimo posto in Europa per investimenti e soldi che si affidano alla ricerca, facciamo poco, quindi, per ricerca e formazione.

“Dobbiamo cambiare rotta non avere paura del futuro non indietreggiare prima di cominciare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
error: