CRONACA – Richiedenti asilo, per il coordinamento delle Forze di Polizia nessun allarme criminalità

pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
Smaltimenti Sud
faga gioielli venafro isernia cassino
ristorante il monsignore venafro

ISERNIA – Dall’esame degli ultimi dati disponibili relativi alla criminalità, la provincia di Isernia si conferma tra le più sicure d’Italia, figurando tra le venti province in cui l’incidenza dei reati risulta tra le più basse in rapporto alla popolazione, con un calo nel 2016, rispetto all’anno precedente, sia dei reati in generale (-22%), ma anche dei furti (-10%) e delle violenze sessuali (-86%).

E’ quanto emerso, questa mattina, nel corso di una riunione tecnica di coordinamento delle Forze di Polizia, presieduta dal prefetto di Isernia Fernando Guida, presso il Palazzo del Governo.
Il tavolo era stato convocato al fine di esaminare i recenti episodi (una rissa e un tentato omicidio) che hanno visto coinvolti alcuni richiedenti asilo, ospiti nei centri di accoglienza della provincia.

I due accadimenti, come spiegato nel corso della riunione, rappresenterebbero dei fatti isolati; infatti, negli ultimi due anni, cioè da quando la presenza di immigrati in provincia di Isernia ha assunto una dimensione consistente, si tratta degli unici casi di una certa rilevanza che hanno coinvolto cittadini stranieri, alloggiati nelle strutture gestite dalla Prefettura.

Per quanto concerne la rissa in Via Giovanni XXIII che, sarebbe stata originata da dissidi dovuti alla spartizione della piazza di spaccio locale, si è avuta conferma che si tratta di una mera ipotesi investigativa, tant’è che, allo stato attuale, i soggetti coinvolti sono stati denunciati per i reati di “rissa” e “resistenza e lesioni a pubblico ufficiale”, non essendosi prefigurata, al momento, alcuna fattispecie legata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

In ogni caso, per quanto riguarda tale fenomeno – che, nella provincia di Isernia, si allinea alla media nazionale – durante l’incontro è stato evidenziato che in provincia esiste un’attività di spaccio “al minuto”, molto frammentata poiché posta in essere da soggetti di diverse etnie e, dunque, non assolutamente inquadrabile all’interno di un’organizzazione ben definita.

In particolare, per quanto riguarda il mercato delle droghe “pesanti” (cocaina ed eroina), esso è riconducibile a tossicodipendenti locali e famiglie di etnia rom stanziali, che si approvvigionano prevalentemente nel napoletano e nel casertano, ma anche nel frusinate, teatino e foggiano, mentre la commercializzazione delle droghe “leggere” (hashish e marijuana) è perlopiù appannaggio di soggetti extracomunitari.

L’attività di contrasto viene svolta dalle Forze di Polizia attraverso servizi coordinati di controllo del territorio, con cadenza settimanale, presso Istituti scolastici, stazioni ferroviarie, terminal bus e altri luoghi “sensibili”, anche con l’utilizzo di unità cinofile antidroga.

Nel contempo, sul piano della prevenzione, vengono organizzati incontri presso le scuole di ogni ordine e grado per sensibilizzare le giovani generazioni sulla gravità del fenomeno e sulle sue conseguenze dal punto di vista della salute.

Quanto ai risultati ottenuti, dal 1° gennaio 2016 al 31 marzo 2017, sono stati eseguiti complessivamente 28 arresti, 82 denunce a piede libero e 287 segnalazioni per il consumo personale di sostanze stupefacenti.

In tale contesto, per quanto concerne i casi più gravi che hanno condotto all’arresto, dei 28 arresti eseguiti solo 3 hanno riguardato cittadini stranieri, di cui solamente 1 ospite nei centri di accoglienza gestiti dalla Prefettura; delle denunce a piede libero, solo 21 casi su 82 hanno riguardato cittadini stranieri, di cui 16 ospiti nei CAT, e delle 287 segnalazioni per uso personale solo 15 sono quelle relative a cittadini stranieri, di cui 10 ospiti nei CAT.

Quanto all’episodio verificatosi a Cantalupo nel Sannio, pur riconoscendone la gravità, si è preso atto che si è trattato di un caso circoscritto, peraltro provocato da uno stato di alterazione dovuto all’abuso di alcoolici e non di stupefacenti, non preceduto da segnali di allarme che potessero far presagire un simile epilogo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise
pasticceria Di Caprio
Maison Du Café Venafro

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
panettone di caprio
Maison Du Café Venafro
pasticceria Di Caprio
Futuro Molise

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

Aziende in Molise »

  • Maxi affari

    MAXI AFFARI

    by on
    Maxi affari srls SS85 Venafrana, 25+600 86077 Loc. Trivento Pozzilli (IS) © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Bar il Centrale Venafro

    BAR IL CENTRALE

    by on
    Bar il Centrale Corso Campano, 34 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 904280 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • power car officina meccanica venafro

    POWER CAR

    by on
    Power Car srls SS 85 Venafrana, 10 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 900951 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • ASSIKURA ASSICURAZIONI

    by on
    Assikura assicurazioni di Siravo Fabrizio Via Alessandro Volta n. 4, 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 250669 Cell. 335 1550250 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Forte Carni E Salumi La Porchetta

    FORTE CARNI E SALUMI LA PORCHETTA

    by on
    “Forte” Carni E Salumi La Porchetta Via Atinense, 86077 Pozzilli (IS) Telefono 371 3358072 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • La Taverna di Camillo

    LA TAVERNA DI CAMILLO

    by on
    La Taverna di Camillo Via Maria Pia di Savoia, 125 – 86079 Venafro (IS) Telefono 342 1267431 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • DIMENSIONE SPORT

    by on
    Dimensione Sport Corso Campano, 173 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 902217   © RIPRODUZIONE RISERVATA
error: