COMUNE – Sull’auto blu del sindaco i Cinque stelle vanno alla Corte dei Conti e alla Procura

municipio campobasso
eventi tenuta santa cristina venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
ristorante il monsignore venafro
Maison Du Café Venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
faga gioielli venafro isernia cassino

CAMPOBASSO – E’ bufera sul sindaco della città di Campobasso Battista e sul direttore generale di palazzo San Giorgio Iacobucci.

Il Movimento Cinque stelle attacca entrambi sulla questione dell’acquisto di una auto con fondi dell’art. 208 del Codice della strada che doveva servire per il trasporto di minori in strutture protette poi destinata, da quanto hanno illustrato i consiglieri pentastellati, a diversi usi e quindi come auto blù per il sindaco i dirigenti e il direttore generale Iacobucci.

I Cinque stelle nel corso di una conferenza stampa hanno quindi ribadito che dopo una serie di controlli fatti, l’amministrazione ha tolto l’auto dalla dotazione della Polizia municipale portandola oggi all’uso del sindaco dei dirigenti e del direttore Iacobucci.

L’auto comunicato alla Motorizzazione il cambio di destinazione per i Cinque stelle oggi ufficialmente sarebbe un’auto di servizio che può essere guidata da chiunque e quindi anche per accompagnare il sindaco e il direttore generale Iacobucci.

“Si tratta questa è la rilevanza sia penale crediamo che contabile -ha spiegato il consigliere avv. Roberto Gravina –  di una violazione dei principi contabili e di un illecito contabile che la Corte dei Conti in altri Comuni ha già sanzionato e la Procura della Repubblica eventualmente dovrà accertare se qualcuno ha commesso qualcosa che non avrebbe potuto e dovuto fare”.

Il consigliere Luca Praitano ha, infine, sottolineato perché ci si è rivolti alla Corte dei Conti contestando la figura del direttore generale Iacobucci a cui  pur riconoscendo le capacità professionali, ha detto “vorremmo sapere perchè vengono spesi 180 mila euro annui dei cittadini per una funzione quale il direttore generale, una figura che secondo il decreto legge 2 del 2010 non dovrebbe starci e le cui mansioni  sono assolte dal segretario generale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: