MIGRANTI – Per l’accoglienza a San Giuliano di Puglia si mobilita la politica

villaggio san giuliano di puglia
eventi tenuta santa cristina venafro
ristorante il monsignore venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Maison Du Café Venafro
Smaltimenti Sud
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia

CAMPOBASSO – L’insediamento di 500 migranti nelle casette di San Giuliano di Puglia che nel 2002 hanno accolto i terremotati di San Giuliano di Puglia e da allora lasciate abbandonate e inabitate non piace a nessuno.

Alla popolazione del posto che è molto perplessa riguardo alla convivenza, compatibilità e fusione sociale così all’improvviso con una popolazione di migranti tanto numerosa corrispondente a mezzo paese di San Giuliano di Puglia e ad una parte della politica regionale che si pone il problema su come possano ugualmente integrarsi 500 persone all’interno di un contesto territoriale lontano da aree di servizio sanitario dotato a sufficienza per raccogliere qualsiasi emergenza, privo di quella necessaria e sufficiente vigilanza e luoghi di prevenzione e di sicurezza pubblica per mancanza di presidi attrezzati e con personale idoneo e adeguato e al centro di un territorio molto difficile per la logistica e la viabilità ancora alle prese con problematiche legate al sisma del 2002.

Su quanto è intervenuto il senatore Di Giacomo in Senato che ha prodotto un interrogazione al ministro dell’Interno Minniti con lo scopo almeno di fermare il provvedimento che prevede un’ aggiudicazione di un appalto delle casette di circa 3 milioni di euro e da qui stabilire una sorta di moratoria per verificare se ci sono le condizioni sufficienti per mettere in campo questo Piano e quindi l’accoglienza di un così alto numero di migranti.

Il no ad un centro di accoglienza di questo tipo c’è già con un giudizio conclusosi  sotto forma di raccolta firme, oltre 2 mila, che hanno espresso parere negativo.

In una zona da ricostruire anche dal punto di vista del recupero immobiliare e della rete stradale e di altre criticità andare a porre ulteriori e inevitabili problemi di gestione che comunque contemplerebbero una serie di problematiche e di servizi aggiuntivi da creare per una comunità così folta, non aiuterebbero lo svolgimento delle procedure e di azioni di un post sisma che ancora va avanti tra mille disagi che non fanno altro che ricadere socialmente, finanziariamente e nella stabilità dell’ordine pubblico sulle popolazioni del posto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: