CATTOLICA – Si chiama “barostim” e rimedia all’ipertensione resistente ai farmaci

sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
Maison Du Café Venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
ristorante il monsignore venafro
eventi tenuta santa cristina venafro

CAMPOBASSO – Confronto e dibattito presso la Fondazione Giovanni Paolo II di Campobasso sull’attività scientifiche condotte per le malattie cardiovascolari che anche nel  2016, sono state la prima causa di morte per patologia nei paesi occidentali.

Spicca per incidenza lo scompenso cardiaco: si stimano circa 1 milione di nuovi casi l’anno, un quarto dei quali di età inferiore ai 65 anni. Lo scompenso è la terza causa di ricovero ospedaliero e la prima  di morte per malattia. Ogni anno sono circa 100.000 i decessi nel nostro Paese, circa  270 al giorno.  Questi dati, purtroppo allarmanti, sono stati resi noti nel corso del convegno scientifico promosso dal Dipartimento di Malattie Cardiovascolari della Fondazione, diretto dal dottor Carlo Maria De Filippo.

Il seminario,  introdotto dal professor Calafiore uno dei più autorevoli collaboratori del Centro molisano, ha offerto anche l’occasione per riflettere sulle nuove frontiere terapeutiche legate alle recenti scoperte scientifiche sui meccanismi dell’autofagia, un processo fondamentale di “pulizia cellulare”, che ha un ruolo importante in molte patologie. Il biologo giapponese Yoshinori Ohsumi è stato insignito nel 2016 del premio Nobel per la Medicina proprio per le sue scoperte sui questi meccanismi che potrebbero aprire la strada alla comprensione di alcuni processi cellulari fondamentali.

Ad oggi è difficile prevedere quali potranno essere le applicazioni terapeutiche, ma di sicuro capire qual è il meccanismo che genera determinate malattie, potrà aiutare ad individuare nuove cure. La Fondazione è parte attiva in diversi progetti di ricerca  clinica con alcuni dei più importanti  centri internazionali.

Questi studi probabilmente solo tra qualche anno offriranno indicazioni concrete alla pratica clinica, c’è un altro settore che invece ha già una immediata applicazione: da  qualche anno alla Fondazione è disponibile una nuova tecnica che riesce a migliorare le condizioni di pazienti con un’insufficienza cardiaca grave, riducendo numero e durata dei ricoveri ospedalieri con un effetto positivo sulla qualità di vita dei malati.

Si chiama barostim o “attivazione del baroriflesso”: in pratica viene posizionato uno stimolatore elettrico sul barocettore carotideo, che, una volta attivato,  riporta in equilibrio l’attività  neuronale  in pazienti cardiopatici. Questa metodica è particolarmente efficace in presenza di ipertensione resistente ai farmaci, perché è in grado di sostituire le terapie tradizionali.

Uno dei partner dello studio scientifico è l’Università di Pavia, rappresentata dal  professor Vanoli che nel corso dei lavori, riferendosi alla Fondazione ha affermato: “in questo Centro  si fa  ricerca di alto livello, ci sono possibilità quasi superiori ad altre realtà  del nord italia. I risultati raggiunti sono molto incoraggianti, le condizioni di vita di circa 200 pazienti molisani sono notevolmente migliorate grazie a questa innovativa metodica. Alcuni non riuscivano a svolgere le normali funzioni vitali, oggi conducono una vita pressoché normale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
panettone artigianele natale di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: