COMUNE – Migranti, il Consiglio dice no allo Sprar. Votato atto di indirizzo

sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
eventi tenuta santa cristina venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
Maison Du Café Venafro
ristorante il monsignore venafro

ISERNIA – Dopo un lungo e acceso dibattito che ha sviscerato tutti gli aspetti, da quello sanitario a quello sociale, fino al tema della sicurezza, i consiglieri comunali di Isernia hanno votato, all’unanimità, la sospensione della seduta monotematica dedicata all’accoglienza di migranti in Città.

I lavori sono stati sospesi, come proposto dal consigliere Giovancarmine Mancini, sostenuto anche dal sindaco d’Apollonio, per il tempo necessario a formulare un documento di indirizzo per l’Esecutivo, una sorta di mozione da votare per offrire alla Giunta un’indicazione su come muoversi e come affrontare il delicato argomento.

“Questo Consiglio – ha affermato il sindaco d’Apollonio – è nato in modo un po’ anomalo, senza un documento da approvare. Mi aspettavo dalla Conferenza dei capigruppo, che ha fortemente voluto questa assise monotematica, una proposta scritta da mettere ai voti che offrisse indicazioni su cosa fare”.

L’incontro ha però dato la possibilità di ascoltare le opinioni di molti consiglieri, che su una cosa sembrano concordare: “no allo Sprar”, così come proposto dal prefetto Guida.

“Mi si contesta, in maniera feroce, -ha lamentato poi il primo cittadino – che non faccio i controlli, seppure io ne abbia il potere. Mi sono accertato più volte, presso la Prefettura, sull’idoneità delle strutture che ospitano i nostri CAT. Non posso creare un conflitto di competenze, sostituendomi all’organo preposto. È chiaro – ha aggiunto – che, in caso di dimostrata inerzia o criticità evidenti, il sindaco può decidere di intervenire e assumere le decisioni del caso”.

D’Apollonio ha voluto anche ricordare che “siamo di fronte ad una situazione epocale. C’è – ha detto – un travaso da alcuni paesi dell’Africa verso il nostro Paese, verso l’Europa, e soffriamo di una politica nazionale e sovrannazionale che non ci dà scelta; noi sindaci stiamo subendo una situazione di emergenza”.

Il Consiglio, ripresi i lavori poco dopo le 19,30, ha votato l’atto d’indirizzo che, tra l’altro, impegna il sindaco a non aderire al progetto SPRAR.

Con 27 voti favorevoli, 3 contrari e 3 astensioni il Consiglio Comunale ha chiarito la propria posizione: sì all’accoglienza, ma no all’adesione dell’Amministrazione al Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
Futuro Molise
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Futuro Molise
panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: