AREA DI CRISI – La Cgil chiede tempi brevi e maggiori certezze

franco-spina
eventi tenuta santa cristina venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
DR 5.0 Promozione
Maison Du Café Venafro
DR F35 Promozione
ristorante il monsignore venafro

CAMPOBASSO – La Cgil è categorica. Il segretario regionale della Cgil Franco Spina, osserva che “L’approvazione da parte del mise del PRRI ovvero, (Piano di Riconversione e Riqualificazione industriale) da parte del MISE, non risolve certo il tema della complessa situazione emergenziale che riguarda la piena attivazione degli strumenti di ripresa per l’area di crisi.

Si può certamente affermare che almeno il cammino è ripreso e la convocazione lo scorso 19 aprile del tavolo tecnico ne è la riprova. Tavolo tecnico al quale la Regione ha sommariamente illustrato il famoso PRRI che ancora ad oggi, non è stato consegnato agli attori del tavolo. Come noto, la CGIL aveva chiesto e chiede la consegna del documento per poter esprimere le proprie valutazioni visto che lo stesso atto è stato profondamente ampliato rispetto alla prima bozza allegata alla delibera originaria.

Per la Cgil fermo restando il totale delle risorse annunciate, per le politiche attive (10 milioni), “è fondamentale esplicitare  – commenta Spina – le modalità di attribuzione per singolo bando o misura ad es.  bonus assunzionale, riqualificazione professionale, lavori di pubblica utilità ecc. Considerata l’ampia platea coinvolta, certo le risorse appostate sono del tutto insufficienti e occorrerà individuarne altre aggiuntive. Abbiamo evidenziato che l’obiettivo del riconoscimento di area di crisi complessa è quello di ricollocare il personale,  potenzialmente e rilanciare nuova occupazione attraverso la ripresa o rilancio di attività produttive. Occorre precisare inoltre, che sono già trascorsi 2 anni dalla fase di avvio delle procedure e siamo ancora alla definizione dell’accordo complessivo”.

Tempi quindi ancora lunghi per la Cgil per la rioccupazione di lavoratori fermi agli ammortizzatori sociali o addirittura senza reddito “Servono ancora anni  e nel frattempo vorremmo sapere come manteniamo in vita le attività che vedono oggi lavoratori in cassa integrazione e come non disperdiamo quelle professionalità e lavoratori che vivono di mobilità ordinaria o in deroga, oltre ai tanti lavoratori già finiti in naspi e che non posseggono altri strumenti di sostegno. Il vero tema quindi è preoccuparsi di ottenere dal Governo nazionale un prolungamento delle politiche a sostegno del reddito almeno fino alla effettiva ripresa delle attività produttive prevista da tutti in 2/3 minimo dall’effettiva attribuzione delle risorse a valere sui progetti finanziati. Le altre regioni sono impegnate pienamente sul tema.”

In aggiunta la Cgil ribadisce “che le risorse necessarie per le politiche attive e passive o di accompagnamento si basano sul censimento preciso delle persone coinvolte e interessate. Ad oggi ancora non si chiude la profilazione dei lavoratori dell’area di crisi, occorre accelerare e ottenere in tal modo una conoscenza certa delle situazioni individuali.

Il criterio premiale scelto che incentiva le imprese che assumono più lavoratori –  conclude il segretario della Cgil Spina –  è assolutamente condivisibile, ma ad oggi oltre alle dichiarazioni sui numeri generali resi nell’incontro, non si conoscono quante e quali siano qualitativamente le manifestazioni di interesse presentate nel dettaglio, quante risorse sono previste nelle varie ipotesi e l’ammontare dei finanziamenti richiesti.

Riteniamo quindi necessario una forte accelerata e una definizione compiuta di tutte le procedure e degli accordi entro qualche mese, così come un impegno unitario oltre che da parte sindacale  a livello nazionale sul fronte del sostegno al reddito. Siamo già fortemente in ritardo e ai lavoratori bisogna dare certezze sui tempi e sulle azioni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
colacem
Futuro Molise
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
Futuro Molise
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: