CROCE ROSSA ITALIANA – Aspiranti volontari, ottima affluenza al corso

ristorante il monsignore venafro
Maison Du Café Venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
DR 5.0 Promozione
DR F35 Promozione
eventi tenuta santa cristina venafro
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – Grande affluenza al Corso di Accesso per Aspiranti Volontari della Croce Rossa Italiana, organizzato dal Comitato CRI di Campobasso presso l’istituto Pertini.

A fare gli onori di casa il dottor Michele D’Ambrosio, presidente del Comitato CRI di Campobasso, che ha dato il via ai lavori salutando i presenti.

A seguire il Direttore del Corso Monitore CRI, l’infermiera volontaria CRI, Mara Mennitti, ha illustrato, insieme alla Responsabile della Formazione, la volontaria CRI, Roberta Angelocola, la struttura del corso, ponendo l’attenzione sulle diverse discipline che i partecipanti seguiranno durante gli incontri.

La fase formativa ha avuto inizio con la lezione di Storia della Croce Rossa tenuta dal Presidente Regionale CRI Molise, il dottor Giuseppe Alabastro.

Quest’ultimo ha sottolineato il ruolo del precursore della Croce Rossa, il medico napoletano Ferdinando Palasciano che, già nel 1848 durante i moti di Messina nel soccorrere i rivoltosi, ha anticipato i tempi, affermando il principio della neutralità dei feriti in guerra.

Tale principio è stato ripreso successivamente dal fondatore della Croce Rossa, il ginevrino Henry Dunant, che, dopo l’esperienza maturata a Solferino la mattina del 24 giugno 1859, nel corso della seconda guerra d’indipendenza, ha compreso l’esigenza di creare un’associazione che prestasse soccorso sul campo di battaglia, al di là delle divise indossate dai militari.

Quella mattina, passata alla Storia proprio grazie a Dunant, oltre 40.000 vittime giacevano sul campo di battaglia senza che nessuno prestasse alcuna cura.

La macchina dei soccorsi posta in essere da Dunant ebbe eco in tutte le corti e cancellerie del mondo. Dopo tale esperienza il cittadino svizzero decise di renderla pubblica attraverso un libro emozionante e intriso di ricordi dal titolo “Souvenir di Solferino”, stampato in 16.000 copie a proprie spese.

Il volume ebbe uno strepitoso successo e ancor di più ebbe il merito di sensibilizzare istituzioni e cittadini sulla necessità di costituire in ogni Paese una Società di Soccorso dei feriti in guerra.

Da quest’esperienza Dunant costituì un primo comitato detto dei Cinque, organizzando nel 1863 la prima Conferenza a Ginevra. Ma solo il 22 agosto 1864 Henry Dunant vedrà ufficializzata la nascita della Croce Rossa con la firma della I Convenzione di Ginevra.

“Sono felice che i numerosi aspiranti – ha dichiarato il presidente CRI Molise, Giuseppe Alabastro – abbiano seguito con molta attenzione la storia della nascita della Croce Rossa, dimostrando entusiasmo ed interesse per la nostra Associazione. Lo spirito di appartenenza è uno dei capisaldi della Croce Rossa, un sentimento che spinge i nostri volontari ad operare in qualsiasi contesto per aiutare il prossimo”.

Nei futuri appuntamenti formativi saranno affrontate altre tematiche fondamentali, tra cui il diritto internazionale umanitario e il codice etico della Croce Rossa Italiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
Futuro Molise
panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
Futuro Molise
colacem
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: