ARTE – Al ‘Cuoco-Manuppella’ taglio del nastro per la Mostra internazionale ‘Maca – Falsi d’autore’

Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

ISERNIA – Inaugurata, questa mattina, nei locali dell’Istituto ‘Cuoco-Manuppella’, la Mostra Internazionale Itinerante ‘Maca: Falsi d’Autore’.

35 opere d’arte, provenienti dal Canada, che riproducono i dipinti più famosi di Bruegel, Bosch, Eyck, Vermeer, Rembrandt; un’esposizione che vanta titoli come la “Ragazza con l’orecchino di perla”, l'”Uomo con turbante”, fino a “Lezioni di anatomia del dott. Tulp”.

L’evento, curato dalla prof.ssa Linda Berardi coadiuvata dai docenti Francesco De Vincenzi e Mariella Spaziano, è stato possibile grazie al contributo di un emigrante: Vincenzo Del Riccio, collezionista di opere d’arte.

Del Riccio, originario di Frosolone, da anni vive a Toronto e organizza iniziative artistiche in ogni parte del mondo, seguendo il suo obiettivo di vita: “Diffondere l’arte per unire i popoli”.

La lungimiranza dei molisani all’estero è stata messa in luce dal dott. Agostino Angelaccio che, portando il saluto del collezionista italo-americano, ne ha lodato gli intenti, sottolineando la necessità di supportare i giovani artisti molisani e il liceo Manuppella ‘fucina di intelligenze’ locali.

“L’artista – ha detto, nel corso del suo intervento – non può essere lasciato solo, deve essere inserito in un contesto più ampio di promozione, coadiuvato da esperti di marketing e di azienda”. Solo così si può emergere a livello nazionale e internazionale.

Di “contaminazione” ha invece parlato l’architetto Franco Valente che ha voluto ricordare l’importanza, nell’arte come nella vita sociale, di “sintetizzare” ciò che proviene dal mondo esterno “con l’esperienza critica”.

Ai ragazzi ha voluto consigliare: “non siate soggetti passivi”; perché – per l’architetto molisano – fare arte è essere anche un po’ eretici, “conoscere le regole per poterle poi sovvertire”.

Un appello è stato lanciato dalla dirigente scolastica, Mariella Di Sanza, al presidente della Provincia di Isernia Coia, al presidente del Consiglio regionale Cotugno e all’assessore regionale Veneziale affinché sostengano la scuola e aiutino il liceo artistico a superare quel retaggio negativo che da troppi anni, ingiustamente, porta con sè.

Impegno garantito dai presenti, esperti d’arte e rappresentanti delle Istituzioni, che non hanno escluso la possibilità, in futuro, di portare un indirizzo musicale a Isernia e perché no, di proporre al ministro dell’istruzione, nel corso della sua prossima visita a Campobasso, l’ipotesi di una Accademia di belle arti nel capoluogo pentro.

I visitatori della Mostra sono stati poi accompagnati da speciali guide (Clarissa Centracchio, Maria Centracchio e Carlotta Zullo) lungo un percorso artistico interdisciplinare, caratterizzato da musica, istallazioni, costumi che ripercorrono le epoche storiche che, dal Cinquecento all’Ottocento, hanno visto operare  in Europa gli artisti esposti.

Protagonisti di questo viaggio, allietato dalle note dell’arpa della musicista Tiziana Tamasi, sono stati soprattutto gli studenti che hanno contribuito al successo dell’iniziativa:
Simona Chiacchiari, Mattia Pannoni, Sara Di Tanna, Miriana Marzano, Daniel Succi, Mirko Fornaro, Francesca Troise, Rosa Bernardi, Noemi Gatta, Francesco D’Agnelli, Vincenzo Pagliuca, Josephine Lombardi, Alessia Di Biase, Isabella Forte, Letizia D’Andrea, Magghie D’Agnelli, Rebecca Procaccini, Dounia Chanchi, Roberta Nuzzolillo, Cheik Mohamed Konate e tutti gli alunni delle classi II, III, IV e VA, III e IV B.

Nell’occasione, inoltre, sono stati premiati due lavori ispirati a importanti opere d’arte e realizzati dagli alunni Giulia Pellecchia (3^E) e Noemi Di Marco (3^ C) della Scuola Media ‘Andrea d’Isernia’.

La Mostra intanto, resterà aperta fino a giugno, dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 18,00.
Poi le opere d’arte, in esposizione, saranno sostituite da altre opere inviate da Del Riccio che sarà al ‘Manuppella’ durante il mese di luglio per incontrare gli alunni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: