VENAFRO – Munificenza, altruismo e magnanimità d’animo lasciati cadere nel dimenticatoio, Il caso del Cav. Giovanni Atella

Lapide Cav. Giovanni Atella
pasta La Molisana
faga gioielli venafro isernia cassino
Smaltimenti Sud
eventi tenuta santa cristina venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Banca di credito cooperativo Isernia
ristorante il monsignore venafro

VENAFRO – Una vicenda tutta da raccontare, perché l’opinione pubblica sappia e consideri.

Nel vecchio ed ormai abbandonato SS Rosario di Venafro, struttura da un buon trentennio non più utilizzata e di fatto continuativamente deserta a parte qualche animale selvatico che vi si aggira…, in tale edificio esattamente all’inizio della scala monumentale che porta al piano rialzato dell’immobile c’è una lapide risalente agli anni ’70 che attesta munificenza ed altruismo di un privato venafrano, il Cav. Giovanni Atella (1887/1965).

Questi ai primi anni ’60 donò al SS Rosario la prima autoambulanza e 10 milioni di lire, oltre ad un motocarro per trasporto di bombole d’ossigeno ed altre attrezzature sanitarie, perché si aiutasse il prossimo in stato di necessità.

Tale marmo, che venne apposto dall’amministrazione ospedaliera dell’epoca (Presidente l’avv. Pietro Petrecca) per dare atto e far conoscere la bontà d’animo dell’uomo, riporta testualmente quanto e come il predetto privato si prodigò per la collettività, riproducendo altresì il volto del benefattore.

Ebbene il marmo in questione è di fatto a sua volta abbandonato nello storico ma disuso SS Rosario, senza la possibilità che il cittadino legga e rifletta su quanto di bene e di buono l’animo umano sia in grado di operare per il prossimo, giusto come fece il citato benefattore ai primi anni ’60.

Ecco allora l’intervento del dr. Tito Atella, esecutore testamentario e nipote del predetto personaggio, perché il marmo in tema venga trasferito dall’ormai abbandonato e storico SS Rosario, dove appunto nessuno più vi accede, al nuovo nosocomio venafrano di via Colonia Giulia, oggi Ospedale di Comunità.

“La lapide venne ideata, realizzata ed affissa nell’allora frequentatissimo SS Rosario -puntualizza il citato esecutore testamentario- perché tutti sapessero cosa fatto da un privato a favore della collettività, cioè a fini socio/educativi e non già celebrativi. Continuare a tenerlo in un immobile abbandonato da un trentennio, dove nessuno più entra, appare un controsenso e rende inutile la stessa lapide”.

Data la situazione, cosa pensa di proporre? “E’ stata scritta una lettera al direttore generale dell’Asrem, dr. Sosto, chiedendo il trasferimento del marmo in questione dal disuso  Ss. Rosario al nuovo  e vicino Ospedale di Comunità di Venafro, fissandolo su una parete interna all’ingresso della struttura. In tal modo la pietra tornerà a centrare gli obiettivi iniziali, facendo conoscere alla massa quanto di buono sia in grado di fare l’animo umano. Non chiediamo  intitolazioni di strade, piazze o altro riconoscimento, ma solo che all’operato del nostro congiunto si continui a dare il giusto e doveroso risalto sociale nel contesto cittadino, spostando la lapide dove tutti hanno modo di leggerla e riflettere”.

Risposte dall’Asrem ? “Al momento ancora no -conclude l’interlocutore- ma siamo fiduciosi circa l’accoglimento della richiesta, sia perché a costo zero per la sanità pubblica molisana, sia perché non implica problemi di sorta e sia perché mira unicamente a far conoscere ai più la positività dell’essere umano quando  stabilisce di essere altruista senza ritorni di sorta, come nel caso del nostro congiunto”.

Chi era, si chiederà il lettore, Giovanni Atella? Uno del popolo, che nei primi decenni del ‘900 come tant’altri italiani del tempo si trasferì negli Usa in cerca di lavoro e fortuna. Lì, nel nuovo Continente, li trovò entrambi  e vi si trattenne per decenni per concretizzare i propri programmi!

Rientrato a Venafro, suo Comune di origine, sposò la concittadina sig.ra Daria Izzi, persona assolutamente da bene ma dalla quale non ebbe figli, ed intanto mise su un’attività commerciale per la vendita di bibite che diede lavoro e tantissime risorse alle finanze cittadine.

Nel frattempo si prodigava con l’innato suo spirito altruista per favorire tradizioni e storia locali, a cominciare dall’allestimento dell’Opera di San Nicandro, dramma sacro su vita ed opere dei Santi Martiri di Venafro.

Per tale lavoro scenico Giovanni Atella, che era a sua volta puntuale tra gli interpreti, forniva scene, costumi e quant’altro necessario per la rappresentazione che all’epoca avveniva di solito dinanzi alla chiesa di San Simeone, di fronte al Monumento ai Caduti.

Un venafrano cioè che ha fatto tanto bene nei decenni trascorsi e che oggi è giusto riportare alla memoria di tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
pasticceria Di Caprio
Maison Du Café Venafro
Futuro Molise
panettone di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

pasticceria Di Caprio
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
Maison Du Café Venafro
Futuro Molise

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

Aziende in Molise »

  • Maxi affari

    MAXI AFFARI

    by on
    Maxi affari srls SS85 Venafrana, 25+600 86077 Loc. Trivento Pozzilli (IS) © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Bar il Centrale Venafro

    BAR IL CENTRALE

    by on
    Bar il Centrale Corso Campano, 34 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 904280 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • power car officina meccanica venafro

    POWER CAR

    by on
    Power Car srls SS 85 Venafrana, 10 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 900951 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • ASSIKURA ASSICURAZIONI

    by on
    Assikura assicurazioni di Siravo Fabrizio Via Alessandro Volta n. 4, 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 250669 Cell. 335 1550250 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Forte Carni E Salumi La Porchetta

    FORTE CARNI E SALUMI LA PORCHETTA

    by on
    “Forte” Carni E Salumi La Porchetta Via Atinense, 86077 Pozzilli (IS) Telefono 371 3358072 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • La Taverna di Camillo

    LA TAVERNA DI CAMILLO

    by on
    La Taverna di Camillo Via Maria Pia di Savoia, 125 – 86079 Venafro (IS) Telefono 342 1267431 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • DIMENSIONE SPORT

    by on
    Dimensione Sport Corso Campano, 173 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 902217   © RIPRODUZIONE RISERVATA
error: