CULTURA – La pedagogia dell’onnipotenza, presentato il nuovo libro di Domenico Barbaro

eventi tenuta santa cristina venafro
Maison Du Café Venafro
Smaltimenti Sud
DR 5.0 Promozione
pasta La Molisana
DR F35 Promozione
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
ristorante il monsignore venafro

ISERNIA – Alla pedagogia classica, quella degli insegnanti e della famiglia, oggi se ne affianca una molto penetrante, subdola, delle volte mendace. È quella mediatica.

Gli strumenti della comunicazione che non avvertiamo, le pubblicità, le suggestioni, troppo spesso, ci penetrano dentro, ci spingono a vivere “senza confini”, a inventarci Superuomini. Siamo di fronte a una pedagogia nuova, moderna che può produrre una patologia ben più infida e invalidante: quella depressiva.

È proprio di fronte a questo crescente pericolo, che Domenico Barbaro (psichiatra di origini calabresi, ma da anni residente a Isernia) tenta di porre un rimedio, invitando il lettore a “riappropriarsi dei propri limiti”.
Lo fa nel suo ultimo libro “La pedagogia dell’onnipotenza”, un lavoro che vuole provocare una riflessione seria sul dilagare di questa patologia depressiva; secondo le stime dell’OMS infatti sarà la seconda causa di malattia nel 2020 dopo le malattie cardiovascolari.

“I messaggi della nuova pedagogia – dice Barbaro nel corso di una presentazione, svoltasi a Isernia presso la Libreria Della Corte – creano un’idea dell’onnipotenza che può portare anche ad episodi di bullismo o femminicidio”.

Nel suo libro Barbaro racconta esempi clinici reali che hanno in comune il meccanismo psicodinamico dell’ ‘onnipotenza’.

“Il pericolo degli strumenti mediatici -spiega- è che, delle volte, ci sovrastano. Bisogna stare attenti perché la pedagogia mediatica fa perdere coscienza della necessità di contrapporsi alla cultura dell’onnipotenza.
I social network offrono uno specchio importante per il Super io”.

Ad introdurre i lavori la professoressa Graziella Iannuzzi che ha invitato i suoi alunni, presenti nella sala, a leggere alcuni passi del volume.

Ad illustrare il libro, alla nutrita platea, è stata invece la psicologa Giulia Capone che ha offerto la sua chiave di lettura:
“Ho sentito nel libro questa assenza del padre, tutti i pazienti sono accomunati da una latitanza della figura paterna. In Barbaro trovano quel papà sostitutivo che riesce a far riacquistare loro l’ indipendenza. Il rapporto terapeutico diventa così il momento di grazia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Futuro Molise
panettone artigianele natale di caprio
colacem
panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise
colacem
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: