CRONACA – Procurato allarme, denuncia querela contro i 5 Stelle

Termoli
Black&berries Venafro
franchitti interiors
Pubblicità Molise Network
Assicurazioni Fabrizio Siravo

CAMPOBASSO – ‘Procurato allarme’.

I presidenti della Confcommercio Molise e del Sindacato Italiano Balneari, Paolo Spina e Domenico Venditti, hanno presentato formale denuncia – querela, contro il Movimento 5 Stelle che parlò di “presunti” sversamenti nauseabondi dal depuratore nel mare di Termoli.

La querela è stata presentata tramite l’avvocato Massimiliano Di Grezia alla Procura della Repubblica di Larino per procurato allarme dovuto “alla diffusione di notizie categoricamente smentite da dati oggettivi”.

“Sono, infatti -spiegano- proprio i campionamenti effettuati dall’ARPA Molise -vorticosamente al di sotto dei valori limite- ad attestare l’insussistenza di qualsivoglia forma di inquinamento della costa molisana, con riferimento preciso alle zone attenzionate dagli esponenti dei pentastellati.

E’ opportuno, oltre che doveroso nei confronti della cittadinanza e dei turisti, specificare che nei mesi di aprile e maggio 2017 -medesimo periodo denunciato- le acque di balneazione denominate “Cala Sveva” e “Lido Anna” (insistenti nelle immediate vicinanze del porto di Termoli) presentavano questi valori:
Interococchi intestinali 1-3 ufc/110ml su un valore limite di 200ufc/100ml (Cala Sveva)
Escherichia coli <10ufc/100ml su un valore limite di 500ufc/100ml (Cala Sveva)
Interococchi intestinali 2-3 ufc/110ml su un valore limite di 200ufc/100ml (Lido Anna)
Escherichia coli <10ufc/100ml su un valore limite di 500ufc/100ml (Lido Anna).

E’ evidente dunque -continuano Spina e Venditti- che la notizia, oltre ad essere del tutto infondata ha procurato l’allarme per un pericolo inesistente ed un ingente danno per gli operatori del settore proprio a ridosso della stagione estiva. La divulgazione di notizie infondate e prive anche del minimo riscontro, non è consentita nella maniera più assoluta e non trova giustificazione alcuna anche nell’ambito di una disputa politica.

“Continueremo ad essere vigili ed inflessibili -commenta il presidente di Confcommercio Molise, Paolo Spina- e non intenzionati a continuare a subire danni economici rilevanti per dispute locali e regionali strumentali alla politica. Il nostro intervento intende difendere tutti i settori dell’economia, non solo difesa dei nostri iscritti ma a tutela degli interessi economici del basso Molise. Siamo sicuri che solo con la condivisione, attraverso un lavoro di squadra che faccia massa critica, si possano tutelare le attività  commerciali e turistiche per lo sviluppo economico del territorio.”

“Ho ritenuto di condividere questa azione con il presidente Paolo Spina -gli fa eco Domenico Venditti, presidente del SIB Molise Confcommercio- in quanto lo scorso anno in più  occasione venivano diffusi a mezzo stampa dati allarmanti sulle qualità  delle acque risultati privi di fondamento.”

“Valuteremo nei prossimi giorni -chiosa il presidente Paolo Spina- la possibilità  di costituirci in giudizio come Confcommercio per il danno di immagine ed economico subito dai nostri operatori.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Ferrovie del Gargano
Colacem

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

PUBBLICITA’ »

Ferrovie del Gargano
Colacem

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

error: