CACCIA – Boom di cinghiali, riunione in Prefettura

Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

ISERNIA – Il prefetto di Isernia, Fernando Guida, ha presieduto stamani, presso il Palazzo del Governo, una riunione per l’esame delle problematiche connesse alla presenza di cinghiali nel territorio della provincia, convocata anche a seguito delle segnalazioni pervenute da parte di alcuni Sindaci e comuni cittadini, alla quale sono intervenuti, oltre agli amministratori locali interessati dal fenomeno, il consigliere regionale delegato Cristiano Di Pietro e i rappresentanti di Provincia, ASREM, Forze di Polizia e Associazioni di categoria.

Nell’intervento di apertura, il prefetto ha sottolineato, innanzitutto, i rischi derivanti dalla presenza degli ungulati, non solo sotto il profilo economico per i danni alle colture e alla vegetazione, ma anche per l’incolumità  fisica delle persone e degli automobilisti nonché per l’aspetto sanitario, a causa dell’insorgenza e trasmissione di patologie nocive per la salute umana.

Successivamente, il consigliere Di Pietro ha illustrato ampiamente le iniziative poste in essere dalla Regione sull’argomento, con particolare riferimento all’introduzione della cosiddetta caccia di selezione, prevista dall’art. 18 della legge n. 157/92 sulla caccia, individuata quale misura di immediata attuazione per il ridimensionamento del fenomeno, anche per via dei costi sostenuti.

Nello specifico, con una delibera di Giunta regionale dello scorso aprile, è stato avviato l’iter per l’approvazione del Regolamento per l’esercizio della caccia di selezione – tuttora all’esame del  Consiglio regionale – che consentirà  l’abbattimento selettivo di un numero di esemplari stimato, per la provincia di Isernia, in 350 unità  nonché la realizzazione di appositi corsi di formazione per selecacciatori.

Nel corso della riunione, si è fatto cenno, inoltre, alla recente proposta di legge firmata da alcuni parlamentari per ottenere la modifica della normativa nazionale in materia, al fine di ampliare a quattro mesi il periodo della caccia in braccata, attualmente consentita per tre mesi che, nella Regione Molise, sono stati fissati dalla metà  di ottobre a quella di gennaio.

Nel prosieguo, è stato dato ampio spazio agli interventi dei sindaci e delle associazioni di categoria che, nel condividere il percorso intrapreso dalla Regione, hanno portato al tavolo la propria esperienza, contribuendo all’inquadramento del fenomeno.

Al termine dell’incontro, ferme restando le competenze regionali in materia, il prefetto ha assicurato che interverrà  presso il Ministero delle Politiche Agricole nonché presso il Consiglio regionale del Molise per rappresentare, da un lato, l’importanza di ampliare il periodo della caccia accogliendo la proposta di legge già  presentata per la modifica della legge 157 e, dall’altro, di accelerare l’approvazione del Regolamento regionale sulla caccia di selezione.

Nel contempo, il prefetto ha invitato i sindaci a segnalare immediatamente le situazioni di pericolo connesse all’avvicinamento dei cinghiali ai centri abitati, ai fini del tempestivo intervento delle forze di polizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: