POLITICA – Ulivo 2.0, Leva “Si va alla riconciliazione se Frattura cancella il programma operativo sanitario approvato”

ulivo 2.0
Blackberries Venafro

CAMPOBASSO – Ulivo 2.0: luoghi, tempi e aree tematiche del suo prossimo programma elettorale.

Intanto cominciamo dalla “coda” quando una domanda in conferenza stura una verità: come possa comportarsi la coalizione Leva Ruta ormai lanciata sulla prossima campagna elettorale anti Frattura, di fronte all’appello dello stesso Governatore che inviterebbe a una riconciliazione e quindi al ricompattamento di un solo schieramento quale rappresentanza dell’intero centrosinistra per le prossime Regionali.

Risponde Leva molto fermo e duro: “Le alleanze si fanno partendo dalla condivisione di politiche comuni. Siamo al dialogo se cancella il programma operativo sanitario, ha mancato le promesse fatte cinque anni fa ai cittadini molisani”.

Un’altra colata di cemento su un muro impenetrabile innalzato tra la coalizione dei sette partiti Ulivo 2.0 che hanno già da tempo annunciato e presentata la loro bandiera politica di centrosinistra con molta Sinistra e il centrosinistra di Frattura Patriciello Fanelli etc.

E intanto oggi sono stati presentati in una conferenza stampa a cui hanno presenziato il due parlamentari Ruta e Leva, Macoretta dei Comunisti italiani Notarangelo di Sinistra italiana e Trematerra di Socialisti in movimento i cinque punti tematici su sanità, lavoro, ambiente, università, saperi e attività produttive unitamente a una serie di problematiche inerenti a quest’ultime, che faranno parte di un questionario sistemato su Internet a cui tutti potranno accedere portando contributi e idee per costruire, ha detto l’on. Leva, “un’idea politica di futuro, una nuova agenda che vada a voltare pagina e ricostruire una regione intorno alla quale fissare dei punti chiave da declinare in azioni concrete. Raccoglieremo perciò adesioni e idee che vogliono un nuovo sistema di futuro e la ricostruzione di un’identità di regione che ha perso le sue migliori forze intellettuali da riportare tra noi”.

Sottolineando, poi, quanto necessario sia ricostituire un’immagine con contenuti e competenze che possano subito dare nuovi slanci produttivi e professionali Vincenzo Notarangelo di Sinistra italiana annuncia.

“Tutto quanto è stato messo in piedi non è un modello di facciata o di stampo politico ma rappresenta un’iniziativa che fa sul serio in aperta antitesi con il governo Frattura e una sua candidatura, crediamo che un cambiamento è possibile”.

Macoretta dei Comunisti italiani ha messo il dito nella piaga sui trasporti ferroviari e quindi sul cambio di una diversa politica in questa direzione ripetendo che la conservazione e la difesa di una forte identità regionale è un obiettivo di grande aspettativa per tutti e per qualificare alcuni servizi essenziali.

Trematerra dei Socialisti in movimento annunciando una manifestazione di carattere popolare a livello regionale da tenersi in Molise a settembre invita a una campagna di recupero e sensibilizzazione di quanti non hanno votato e quindi creduto nel programma Frattura nelle passate Regionali.

Ulivo 2.0 è ormai, a quanto pare, un fronte abbastanza unito e quindi difficile da scomporre o da poter riconvertire o omologare su altre posizioni.

Il sen Ruta è molto chiaro: si propone alternativo all’attuale governo regionale e pensa di far leva sulla gente del Molise nella valutazione dei grandi temi che sono parte fondamentale del prossimo programma politico elettorale. La battaglia e il confronto, secondo Ruta, si produrranno sulla sanità e sul lavoro, due temi imprescindibili in un momento di grande difficoltà sociale e finanziaria mentre a settembre, ha annunciato, ci sarà un’ assemblea plenaria dove verrà deciso come scegliere i candidati su quali presupposti e credenziali indicarli e individuarli e quindi il futuro candidato Governatore.

Insomma un bel pasticcio nel centrosinistra dove in contrapposizione ad una coalizione di partito targata Renzi, ovvero Frattura Patriciello Fanelli, viaggi, su un binario parallelo, una locomotiva che ormai non c’è verso di fermarla. Si potrebbe interrompere il suo cammino e formare un unico equipaggio su un solo vettore  se Frattura facesse dietrofront circa un argomento la sanità dove ha fatto fuoco e fiamme per condurre a termine una rivoluzione epocale che ora chiede di essere verificata e messa concretamente a punto senza danneggiare ovviamente quello che è il diritto alla salute e alla cura in qualunque modo esso si esplichi, privato convenzionato o pubblico, ossia con le stesse modalità finanziarie o quote partecipative all’assistenza  per il cittadino. Il muro alzato nel centrosinistra con due città politiche con tanto di bandiera che cercano di riprendersi il fortino sembra alto e solido, abbatterlo è ormai quasi impossibile, curioso e interessante da qui in avanti sarà conoscere quanti aderiranno alle “processioni” dell’uno e dell’altro fronte e chi dei due riuscirà a ritrovare vecchi amori anche nel centro del centrodestra dove esiste una situazione ugualmente grottesca e impercepibile della serie l’uno contro l’altro e tutti contro tutti.  Ne più e ne meno di quanto accade a livello nazionale.

    Aldo Ciaramella        

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

PUBBLICITà »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!